L’Udc chiude le porte a Renzi: “Votiamo no al referendum, comitati in tutta Italia”

lorenzo cesaROMA  – “Apriremo in tutta Italia i Comitati per il ‘no’ alla Riforma Renzi, coinvolgendo sui territori tutti i nostri consiglieri comunali, i nostri dirigenti di partito, i nostri iscritti, che lavoreranno attraverso i comitati del ‘no’ per allargare e non restringere gli spazi democratici del nostro Paese”. Lo dice il segretario Udc, Lorenzo Cesa, che oggi ufficializza la presa di posizione del partito per la campagna contro la riforma costituzionale su cui in autunno ci sarà il referendum.

“E’ importante- sottolinea- che vinca il no al referendum”. Il segretario centrista osserva che “le riforme devono essere fatte bene, specie quelle costituzionali devono unire e non dividere il Paese”. La riforma Renzi-Boschi, continua Cesa, è stata “approvata a maggioranza risicata in Parlamento. Se vogliamo riformare davvero e bene la Costituzione- continua- occorre dire ‘no’ a questa riforma Renzi e riaprire subito dopo il tavolo delle riforme costituzionali attraverso la strada maestra di un’Assemblea Costituente”.

19 Luglio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»