DIRE mondo

Iran al voto, è sfida Rouhani-Raissi

ROMA – Una partecipazione “enorme” ha segnato oggi l’inizio dello scrutinio per l’elezione del presidente dell’Iran: lo ha detto Bahram Qasemi, portavoce del ministero degli Esteri di Teheran, in riferimento ai primi Paesi dove si sono aperti i seggi, in Estremo Oriente.

Secondo il responsabile, l’elezione e’ fondamentale per il futuro dell’Iran e puo’ favorire un ulteriore sviluppo del Paese dopo la “svolta” rappresentata dall’accordo con l’Onu sul nucleare e la revoca di parte delle sanzioni internazionali.

In Iran e in diversi altri Paesi, dallo Sri Lanka al vicino Iraq, a scegliere il capo di Stato potranno essere circa 56 milioni di persone. Secondo la maggior parte degli osservatori, i candidati favoriti sono il presidente uscente Hassan Rouhani e l’antagonista conservatore Ebrahim Raissi.

I seggi dovrebbero chiudere alle sei del pomeriggio ora locale, le quattro in Italia. Possibile pero’, in caso di necessita’, il prolungamento delle operazioni di voto.

19 maggio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram