FOTO | VIDEO | Greta a Roma, in migliaia per la paladina del clima: “Stiamo cambiando il mondo”

Ragazzi, bambini e uomini e donne di tutte le età hanno risposto al grido di allarme della sedicenne svedese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono migliaia i romani arrivati a Piazza del Popolo per accogliere Greta Thunberg. La paladina della lotta contro il riscaldamento climatico parla dal palco di ‘Friday for Future’ a Roma e la piazza, nonostante le vacanze pasquali imminenti e la chiusura delle scuole, è in fermento.

Ragazzi, bambini e uomini e donne di tutte le età hanno risposto al grido di allarme della 16enne svedese secondo la quale “non resta molto tempo per salvare la terra”. E ‘Non c’è più tempo’, cantata da Andrea Satta dei Tetes de Bois con Sara Jane Ceccarelli e Ziad Trabelsi, ispirata alle parole di Greta, è la colonna sonora della manifestazione. Ad alimentare il palco, le casse e gli amplificatori, 128 ‘pedalatori’ che con le loro biciclette creano energia sostenibile. Tanti i cartelloni portati soprattutto dai più giovani: ‘da cool kids saving a hot planet’ con il disegno di Greta, a ‘make the planet grat again’, fino a ‘cambiamento climatico = estinzione umana’ e ‘green is the new grey’. Nella assolata e primaverile piazza romana anche ‘Dior’, l’ormai celebre maialino portato al guinzaglio dalla sua padrona.

IL DISCORSO DI GRETA

“Ciao Roma”. Greta Thunberg è salita sul palco capitolino del Friday for greta thunbergFuture a Piazza del Popolo con circa un’ora di ritardo rispetto al previsto. La 16enne paladina del contrasto al cambiamento climatico ha fatto la sua apparizione tra i cori ‘con Greta salviamo il Pianeta’ e ha subito preso la parola mostrando sicurezza e padronanza di linguaggio. “È un onore essere qui, non so quanti siete ma siete tanti e dovete essere orgogliosi di voi. L’unica cosa di cui abbiamo bisogno- ha detto- è il futuro. Molti di noi non capiscono finché non è troppo tardi e tutti devono decidere da che parte stare. Noi siamo qui perché abbiamo deciso da che parte stare. Ci dicono che perdiamo ore di scuola ma in realtà stiamo cambiando il mondo– ha concluso- Per questo continueremo a lottare per il nostro futuro. Grazie Roma”.

GRETA THUNBERG: A ROMA SIAMO IN 25MILA

“Negli ultimi mesi milioni di studenti hanno scioperato, ma non è cambiato nulla per bloccare la catastrofe. Non c’è stato alcun cambiamento politico e le emissioni continuano ad aumentare. Per questo dobbiamo prepararci a lottare per tanto tempo, perché non basteranno giorni, settimane o mesi, ci vorranno anni”. Così dal palco di piazza del Popolo l’attivista ambientale Greta Thunberg, durante la fase conclusiva di Friday for the Future. Prima di salutare i tanti ragazzi presenti, Greta ha dato una stima dei partecipanti: “Siamo 25mila“, ha detto.

SALTATO L’INCONTRO CON IL MINISTRO COSTA

È saltato l’incontro tra il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, e Greta Thunberg. Il ministro ha scelto di non andare alla manifestazione a piazza del Popolo a Roma: “Non voglio mettere il cappello sulla piazza, questa deve essere una piazza di giovani senza colori – ha spiegato – L’incontro ci sarà magari la prossima volta”.

GRETA THUNBERG INCONTRA LANDINI E RICEVE TESSERA ONORARIA CGIL

In occasione del Fridays For Future, l’attivista svedese Greta Thunberg si è recata questa mattina presso la sede della Cgil Nazionale, dove ha incontrato il segretario generale Maurizio Landini e tutta la segreteria confederale, prima di partecipare alla manifestazione di Piazza del Popolo. Per il suo impegno contro i cambiamenti climatici le è stata conferita la tessera onoraria della Cgil.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»