AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE ambiente

Roma, alla Garbatella Polizia salva Poiana di Harris legata in macchina

La Polizia salva una Poiana di HarrisROMA – È stata un’agente della Polizia di Stato libera dal servizio a notare una poiana all’interno di un’auto parcheggiata in via Alessandro Cialdi alla Garbatella, nelle prime ore del pomeriggio.

Dopo aver aspettato un po’ di tempo, vedendo che nessuno si faceva vivo e chiedendo anche ad alcuni passanti, la poliziotta, appurato che il rapace si trovava lì ormai da quasi due ore, ha deciso di chiedere l’intervento di altri colleghi e ha allertato il 113.

Gli agenti del commissariato Tor Carbone arrivati sul posto hanno a loro volta potuto constatare che l’uccello era stato legato alla leva del cambio, condizione dalla quale tentava a suo modo di liberarsi sbattendo continuamente le ali e cercando di rompere con il becco gli anelli che gli erano stati messi sulle zampe per agganciare la corda cui era legato.

Tutti i finestrini della macchina- spiega la nota della polizia- erano chiusi, il rapace non aveva cibo né acqua e l’abitacolo era pieno dei suoi stessi escrementi.

A quel punto è stato chiesto l’intervento di un veterinario della ASL che ha immediatamente riconosciuto il rapace come una ‘Poiana di Harris‘ e, riscontrate le pessime condizioni di custodia dello stesso, ha acconsentito al suo salvataggio. Così, visto che non era stato possibile in alcun modo rintracciare né il proprietario dell’animale né quello dell’auto, con l’aiuto dei Vigili del Fuoco, è stato rotto un vetro dell’auto e liberato il rapace.

La poiana, una volta verificate le sue condizioni di salute, è stata poi affidata ad un centro di recupero fauna selvatica.

Solo in serata un uomo si è presentato negli uffici del commissariato per reclamare l’animale. In questo modo è stato possibile identificare il responsabile dell’incuria del rapace, che è stato poi denunciato per maltrattamento di animali.

19 aprile 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram