AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE welfare

In Italia ogni tre giorni una donna viene uccisa

ROMA  – Vittime di stalking, di abusi, picchiate e uccise da uomini che avevano scelto come compagni e mariti.

Uomini diversi ma accomunati dall’incapacità di accettare la fine di una relazione o in ogni caso incapaci di rispettare la libertà di scelta di una donna.

Nelle ultime settimane, uno dei casi più agghiaccianti ha riguardato la 22enne romana Sara di Pietrantonio, uccisa dall’ex fidanzato lungo via della Magliana. Alla sua storia, e a quella di tutte le altre donne che hanno subito violenza o a cui è stata tolta la vita, la facoltà di Psicologia dell’università Niccolò Cusano ha dedicato l’infografica ‘Stop alla violenza contro le donne. Dati e analisi per un cambiamento’.

GUARDA L’INFOGRAFICA


Femminicidio: tutti i numeri nell’infografica di Unicusano

Infografica a cura della Facoltà di Psicologia Università Niccolo’ Cusano

I DATI NEL MONDO

Il femminicidio è una piaga cupa e preoccupante, un fenomeno tristemente in crescita in Italia e nel mondo. Secondo la mappa riportata nella prima parte dell’infografica, a livello mondiale la percentuale di donne che hanno sperimentato una violenza fisica o sessuale almeno una volta nella propria vita è superiore al 30%. Le percentuali più elevate si registrano in Australia (68%), Asia (67%) e Africa (64%).

I DATI IN ITALIA

In Italia, in media, nei primi 7 mesi del 2016 i casi di femminicidio nel nostro Paese sono stati 69. In pratica, una donna ogni tre giorni è stata assassinata dal proprio marito o compagno. Scorrendo l’infografica è possibile osservare come nel nostro Paese le donne vittime di stalking siano circa 3,5 milioni, quasi la metà rispetto a coloro che subiscono violenza fisica o sessuale. I casi più frequenti di violenza psicologica si verificano al Sud e nelle Isole e – dato allarmante – la quasi totalità delle donne è paralizzata di fronte all’atteggiamento dei propri uomini: solo il 12% di loro riesce a trovare il coraggio di denunciare. A chiudere l’infografica della Cusano sono i consigli dell’associazione Casa delle donne, da oltre 20 anni al fianco delle vittime di violenza, e il parere della criminologa Cinzia Mammoliti.

“NEGARE SEMPRE L’ULTIMO APPUNTAMENTO”

Secondo la dottoressa Mammoliti, “l’ultimo appuntamento è sempre il più pericoloso. L’abusante capisce di aver perso la donna e chiede l’ultimo appuntamento, magari cercando di convincerla con regali, fiori, ricatti affettivi. Negare sempre l’ultimo appuntamento è essenziale”.

I CAMPANELLI D’ALLARME

E alla domanda su quali siano i primi campanelli d’allarme di una relazione ‘malata’, l’esperta risponde: “Quando la vittima sente che sta vivendo un disagio e non riesce più a comunicare con il partner. Quando l’uomo non ha il controllo di sé. Campanelli d’allarme sono i ripetuti messaggi, quando si chiede di essere lasciate in pace”.

18 luglio 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988