FOTO | ‘Le mani che affogano’, arriva a Centocelle l’installazione anti Salvini

Le 'Mani che affogano' rientra nell'opera itinerante 'Mediterraneo' che il collettivo ha fatto nascere come forma di opposizione alle politiche del ministro dell'Interno, Matteo Salvini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Nell’indifferenza muore la nostra umanità. Nella paura annega la nostra solidarietà. Il nostro naufragar c’è dolce in questi mare?”. Il messaggio porta la firma del collettivo ‘Arte resistente‘ e accompagna l’installazione di decine di mani che emergono dall’asfalto, come fosse il mare, in Piazza dei Mirti a Centocelle.

Mani di cartone su bottiglie di plastica, braccia vestite e rette verso il cielo come in un ultimo sussulto di chi tenta di sfuggire alle profonditá. Le ‘Mani che affogano’ rientra nell’opera itinerante ‘Mediterraneo’ che il collettivo ha fatto nascere come forma di opposizione alle politiche del ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

L’idea dell’installazione politica nasce in Abruzzo e l’intento del collettivo è quella che in tutta Italia possano moltiplicarsi manifestazioni di questo tipo, tanto che sulla pagina Facebook di ‘Arte resistente’ è stato pubblicato anche un video tutorial per spiegare come replicare le ‘Mani che affogano’.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

18 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»