AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE calabria

Ecco 20 nuovi pendolini per collegare la Calabria

freccia per la calabriaDopo gli accordi per migliorare il trasporto aereo da e per la Calabria, ora l’attenzione della Regione di Mario Oliverio passa al trasporto ferroviario. Il governatore e l’assessore regionale ai Trasporti, Nino De Gaetano, hanno partecipato ad un incontro nella sede del ministero dei Trasporti con l’amministratore delegato Trenitalia, Vincenzo Soprano, l’amministratore delegato del gruppo Fs italiane, Michele Mario Elia, il sottosegretario di Stato alle Infrastrutture e ai Trasporti, Umberto Del Basso De Caro, ed Enza Bruno Bossio, componente della commissione Trasporti e Telecomunicazioni della Camera dei deputati.
Le questioni poste a Trenitalia hanno riguardato principalmente una migliore organizzazione dei servizi del trasporto pubblico locale, a partire dalla linea ionica per la quale si è sottolineata l’esigenza, imprescindibile, del rinnovo del materiale rotabile. In relazione a questo, è stato dato il via libera all’acquisto di venti nuovi pendolini diesel, di cui cinque in consegna entro la fine dell’anno, per una spesa totale di circa ottanta milioni di euro.

Nel corso della riunione si è discusso, inoltre, della rinegoziazione del contratto di settore tra la Regione e Trenitalia fino all’espletamento delle gare, che avrà luogo con l’approvazione del Piano regionale del trasporto e la definizione dei bacini di traffico, e di un’organizzazione degli orari che agevoli maggiormente i passeggeri negli spostamenti che prevedono coincidenze tra trasporto pubblico locale e treni a lunga percorrenza. Per la linea tirrenica, in particolare per il collegamento tra Reggio Calabria e Roma, si è sollecitata Trenitalia sulla riduzione delle distanze con la Capitale, anche attraverso l’avvio di misure sperimentali da abbinare all’utilizzo delle Frecce da parte dei passeggeri.
Per gli interventi di natura strutturale, nei prossimi giorni, Oliverio e De Gaetano hanno in programma un nuovo vertice, a cui prenderanno parte anche i rappresentanti di Rfi, per definire un Accordo di Programma Quadro che affronti proprio il problema degli investimenti strutturali, a partire da interventi immediati sulla velocizzazione della dorsale adriatica, ma anche sulla questione relativa alle stazioni della direttrice ionica, sul raccordo con l’aeroporto di Lamezia Terme e con il gateway del Porto di Gioia Tauro. I rappresentanti di Trenitalia hanno ricordato ed evidenziato il debito di circa 132 milioni di euro che, durante le passate amministrazioni, la Regione ha contratto nei confronti della società ferroviaria. Debito che la Giunta regionale, guidata da Oliverio, si è impegnata a ripianare attraverso un piano pluriennale.

18 febbraio 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988