Emergenza Xylella, presidio degli agricoltori a Lecce

Coldiretti Puglia: "Ritardi inaccettabili"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Sono in tanti dinanzi alla sede leccese della Regione Puglia. Alcuni sono a piedi, altri a bordo dei trattori e delle altre macchine agricole. Issano cartelli su cui si legge “Assessore Di Gioia giu’ le mani dall’agricoltura del Salento: dimettiti”, “Fermiamo la xylella. È #disastrocolposo”, “Burocrazia fa piu’ danni della xylella”. Sono gli agricoltori che stanno manifestando per denunciare i ritardi inaccettabili della burocrazia regionale.

Con loro c’e’ anche il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia che appoggia la loro istanze. Chiedono interventi decisi “per espiantare, reimpiantare e far rinascere le aree colpite, dopo anni di annunci, promesse, rimpalli di responsabilita’ e decreti senza impegni concreti per la ricostituzione del patrimonio olivicolo distrutto mentre gli agricoltori non sanno come comportarsi per realizzare nuovi impianti resistenti e tornare a lavorare e produrre”, spiega Coldiretti.

di Alba Di Palo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»