Tria: “Flat Tax sì, ma sia costituzionale. Non ci sarà una manovra correttiva”

Così il ministro dell'Economia Giovanni Tria, intervistato da Lucia Annunziata a '1/2 Ora in più', su Raitre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Si deve mantenere quella progressività che è anche un dettato costituzionale. La flat tax quindi si può fare con un sistema di deduzioni e area no tax. Una unica aliquota fiscale può essere un obiettivo ma ora dovrebbe essere posta a livello molto elevato, il problema è di agire attraverso una riforma progressiva”. Così il ministro dell’Economia Giovanni Tria, intervistato da Lucia Annunziata a ‘1/2 Ora in più’, su Raitre.

DEF. TRIA: QUADRO DI STABILITA’, NESSUNA MANOVRA CORRETTIVA

“Questo Def dà un messaggio di stabilità e il quadro macroeconomico presentato è completamente condiviso con tutte istituzioni economiche”. Lo ha detto il ministro dell’Economia Giovanni Tria a Lucia Annunziata su Raitre.

Quindi, secondo punto fermo per Tria: “Non ci saranno manovre correttive. Il deficit rimane quello stabilito. Il quadro generale è di stabilità: per l’anno prossimo abbiamo previsto crescita dello 0,8% e il Fmi la stima 0,9”.

“Questo il quadro e su questo quadro si deciderà quali obiettivi andranno avanti più rapidamente. Si deve vedere tasso di crescita nel prossimo semestre e vedremo nel nuovo contesto quali saranno le compatibilità”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

14 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»