Dopo la Roma, tocca alla Lazio: a breve il progetto per lo ‘Stadio delle Aquile’

La SS Lazio a breve presenterà alla sindaca Virginia Raggi il progetto per la realizzazione del suo stadio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Lazio a breve presenterà il progetto per la realizzazione del suo stadio. L’occasione sarà l’inaugurazione del centro sportivo di Formello al termine dei lavori di ristrutturazione: durante l’evento il presidente Claudio Lotito consegnerà nelle mani del sindaco di Roma, Virginia Raggi, il dossier ‘Stadio delle Aquile’, una versione aggiornata del progetto già presentato nel 2005. A renderlo noto è stato Arturo Diaconale, responsabile della comunicazione della società, intervenuto oggi ai microfoni di Radiosei durante l’intervista alla stessa Raggi.

“Dal momento che si sta completando la ristrutturazione del centro sportivo tra i migliori in Italia e in Europa, le facciamo un invito ufficiale per la fine dei lavori a Formello. Lotito ripresenterà il progetto dello stadio delle Aquile, già presentato nel 2005”, ha detto Diaconale.

“Lo ammoderniamo?”, ha chiesto subito Raggi. “Lo ammoderniamo secondo le necessità”, è stata la replica del responsabile della comunicazione della Lazio, che ha sottolineato: “Contiamo di camminare con le stesse possibilità date alla Roma”.

“Noi siamo aperti a qualunque proposta, poi sulla base dei criteri di legge decideremo. C’è la famosa o famigerata legge sugli stadi”, ha spiegato la sindaca.

Prima dell’intervento di Diaconale, Raggi aveva spiegato di essere “in attesa che il presidente Lotito mi formuli una proposta. Ci siamo incrociati a qualche evento ufficiale, io ho provato a sponsorizzare il Flaminio. Tutti ci auguriamo che sia quello, ma dal 24 febbraio non ho mai visto Lotito. Non ho mai ricevuto inviti ufficiali, solo adesso mi hanno invitato a visitare il centro sportivo con mio figlio. Poi hanno disdetto perché era prima del derby e Matteo era in lacrime”.

Su quest’ultimo punto il responsabile della comunicazione della Lazio ha precisato che “abbiamo cancellato l’invito perché dopo la visita ufficiale alla Roma (per l’inaugurazione della sede all’Eur, ndr) non potevamo fare una visita ufficiosa per non fare credere che il Campidoglio trattasse i tifosi laziali come figli di un Dio minore”.

Diaconale ha poi rivolto un altro invito alla sindaca: “Il prossimo anno, in occasione dei 120 anni della Lazio, il presidente vorrebbe celebrare l’avvenimento con un busto al fondatore Luigi Bigiarelli a piazza della Libertà. Chiederemo al Comune di aiutarci a organizzare questa manifestazione”.

Infine, Raggi è tornata a caldeggiare l’ipotesi dello stadio della Lazio al Flaminio: “Se lo prendesse Lotito sarebbe un eroe cittadino”. Ma “la legge è chiara, la proposta deve arrivare dal proponente, i siti devono essere infrastrutturati già da un impianto sportivo. Noi siamo aperti a valutare qualsiasi progetto, senza alcun pregiudizio”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

14 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»