Manovra, Calenda: “Tanto rumore e spread per tornare al punto di partenza”

"In sostanza- dice Calenda- mancano 4,5 miliardi oltre ai 6,5 miliardi messi sul piatto dal Governo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Questa la situazione: Italia stima deficit a 2,4 e propone il 2. Commissione stima 2,6 e accetta 2 (ma vero). In sostanza mancano 4,5 miliardi oltre 6,5 miliardi messi sul piatto dal Governo. Tanto rumore e tanto spread per tornare al punto di partenza. #dilettanti”. Lo scrive su twitter Carlo Calenda (Pd).

GELMINI: E’ SCIAGURATA, GOVERNO DIFENDE L’INDIFENDIBILE

“È una manovra sciagurata. Non c’è innovazione. Non ci sono investimenti. C’è solo un colpo duro contro le generazioni future. L’Italia sta già pagando duramente gli errori di M5S e Lega. Lo spread è salito fino a quota trecento e i mutui sono più cari. Le famiglie e le imprese stanno già facendo i conti con la stretta del credito. Gli investitori scappano…”. Così Mariastella Gelmini, presidente dei deputati di Forza Italia, in un’intervista ad “Avvenire”.

Che cosa direbbe a Conte? “Cambi. Non si può difendere l’indifendibile. Anche con l’Europa non hanno scelto la strada giusta: serviva più preparazione e meno arroganza. Pensavano che alzando la voce avrebbero portato a casa risultati e, invece, hanno solo dimostrato una sconcertante inconsistenza”. La procedura di infrazione può essere ancora evitata e i segnali che arrivano da Bruxelles fanno sperare…

“Sarebbe un dovere ascoltare il monito di Mattarella e moltiplicare l’impegno per riuscirci. Anche perché se fallisce anche l’ultima mediazione di Conte saranno gli italiani a pagare. Con le loro tasche”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»