AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE sanità

Manca il sangue, Avis: “Calo preoccupante di donazioni”

ROMA – “Anche l’estate 2017, complice l’inizio delle ferie e l’ondata di calore che sta colpendo molte regioni italiane, registra in diverse aree del Paese un preoccupante calo delle donazioni di sangue ed emocomponenti“. E’ l’Avis a lanciare l’allarme, in una nota.

“Questa situazione – spiega il presidente di Avis, Alberto Argentoni -è già stata evidenziata dal Centro Nazionale Sangue e da diverse Regioni che, anche in collaborazione con il volontariato del sangue, hanno realizzato specifiche campagne estive. Rinnoviamo la richiesta a tutte le nostre sedi a proseguire con efficacia nell’attività di programmazione delle donazioni e al nostro 1.300.000 donatori periodici di mettersi a disposizione delle nostre unità di raccolta o dei centri trasfusionali per compiere un gesto di solidarietà quanto mai importante”.

“Abbiamo il dovere – continua il Presidente- anche in questo periodo dell’anno, di garantire l’autosufficienza di sangue ed emocomponenti in tutte le Regioni“.

LEGGI ANCHE In Italia 7.000 talassemici, la metà in Sardegna-Sicilia. E’ emergenza sangue

Per ricordare l’importanza della programmazione della donazione di sangue, specialmente nei mesi estivi, Avis ha lanciato una campagna estiva che riprende l’iniziativa dell’Alfabeto della solidarietà.

“Anche d’estate’ c’è bisogno di sangue. Fa’ anche tu come i nostri volontari: dona ora“. E’ questo lo slogan che campeggia su tutti gli strumenti della campagna estiva proposta da Avis nazionale a tutte le sue 3.400 sedi.

“Desidero ringraziare – conclude il presidente di Avis – tutte le sedi che si stanno mobilitando, non solo per garantire l’autosufficienza nel proprio territorio ma anche – con un impegno supplementare – nelle zone carenti. Al tempo stesso, ringrazio anche i donatori che stanno rispondendo ai nostri appelli e tutti coloro che per la prima volta stanno pensando di compiere un così importante gesto di solidarietà a favore di tantissimi malati”.

13 luglio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram