Lazio

Al Policlinico Casilino apre il più grande pronto soccorso di Roma – FOTO

zingaretti casilino

ROMA – “Apre finalmente in una grande periferia di Roma il più grande pronto soccorso della citta’ e uno dei piu’ moderni d’Italia. E’ segno che la sanita’ cambia, qui ci sono oltre 60mila accessi all’anno, ed e’ la dimostrazione che per noi uscire dal commissariamento della sanita’ significa offrire piu’ servizi ai cittadini”. Lo dice il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, dopo aver visitato il Dea di I livello del Policlinico Casilino che oggi è stato inaugurato e che da martedì alle ore 8 aprirà al pubblico. La nuova struttura conta circa 3 mila metri quadrati.

Con decreto regionale l’ospedale Casilino, dopo 14 anni di gestione mista, diventerà struttura privata accreditata a tutti gli effetti. La cerimonia di inaugurazione della nuova area ospedaliera, che sarà operativa da martedi’ 16 mattina alle ore 8, è avvenuta alla presenza del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, commissario ad Acta per la sanità che ieri ha firmato il decreto che definisce il passaggio definitivo del Policlinico a una gestione esclusivamente privata e accreditata (e non più mista come era accaduto fino ad ora).

La trasformazione completa si attuerà in circa un anno e mezzo e il Policlinico Casilino assumerà la veste di un privato accreditato (di proprietà del gruppo Eurosanita’ spa) con un Dea di I livello, grazie al budget messo a disposizione di circa 84 milioni di euro l’anno per le funzioni assistenziali. A sancire la validità del passaggio un protocollo firmato con i vertici della struttura sanitaria. Eurosanità spa era rappresentata stamane da Massimo Martinetti. I medici che attualmente lavorano nell’ospedale saranno in parte ricollocati nelle altre strutture dell’Asl Roma2, in parte passeranno volontariamente sotto la nuova gestione. La Regione Lazio, con questo decreto, sana in modo definitivo la questione delle strutture ex Pio Istituto, soddisfacendo così le richieste avanzate dai Ministeri dell’Economia e della Salute che hanno domandato alle Regioni, sottoposte a Piano di rientro, di porre fine alle gestioni miste degli ospedali come per esempio il Policlinico Casilino, il Policlinico Di Liegro, Villa Betania e la Salus Infirmorum. Queste ultime due hanno già iniziato il percorso con la firma dei protocolli e i relativi decreti. Con la firma di questi atti, si chiude anche un contenzioso, che nel caso del Policlinico Casilino, vede la parte privata pronta alla rinuncia di alcune decine di milioni di euro.

Zingaretti, in questa occasione, ha visitato inoltre il Dea di I livello del Policlinico Casilino. Il nuovo Pronto soccorso, moderno e avveniristico nell’estetica, sarà operativo nei prossimi giorni (secondo quanto previsto nell’accordo firmato tra le parti) e trasformerà l’Ospedale romano in uno dei più importanti della Capitale.

I numeri che già ci sono lo dimostrano:

– I posti letto ordinari sono 236, quelli in DH 16.

– 72 posti letto di area medica di cui 24 cardiologia e 4 dh multispecialistico.

– 71 posti letto di area chirurgica di cui 59 ordinari e 12 di Day Surgery.

– 39 posti letto di area critica di cui 25 di medicina d’urgenza, 8 di Terapia intensiva, 6 di Unità terapia Intensiva Cardiologica.

– 70 posti letto di area materna infantile di cui 38 di ostetricia, 16 di neonatologia e 16 di TIN.

– 15 i posti di dialisi. Nel corso degli ultimi due anni le dimissioni da ricoveri ordinari sono state le seguenti: anno 2014

– 12.805; per l’anno 2015 sono 15.018 di cui 8.300 interventi chirurgici.

Le dimissioni da Day Hospital nel 2014 sono 4.809; quelle del 2015 sono 2.608. Nel 2015 sono state 5.834 le attività sanitarie svolte dagli APA (Accorpamenti Prestazioni Ambulatoriali). Per quanto riguarda la rete dell’emergenza al DEA di I livello gli accessi registrati al PS nel 2014 sono stati 62.483, nel 2015 sono arrivati a 63.008. Infine nel 2014 i parti effettuati sono stati 2.181 e nel 2015 sono stati 2.216 parti. La nuova gestione ha deciso di realizzare all’esterno del Pronto soccorso la cosiddetta ‘ruota’ per i neonati abbandonati dalle madri dopo il parto.

13 febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»