Amministrative, Boschi in Alto Adige invita alla “resistenza civile”

ROMA – “Di nuovo in Alto Adige/Süd Tirol ieri sera assieme ai candidati e alle candidate del Partito democratico e de ‘Le civiche’ alle provinciali della prossima settimana. A Laives ci siamo confrontate sui temi delle pari opportunità. Dalla conciliazione dei tempi vita/lavoro, alla parità salariale, dalla lotta alla violenza sulle donne alle Stem: tutti temi scomparsi dalla agenda del governo”. Lo scrive su Facebook Maria Elena Boschi, deputata del Pd.

“Insieme- aggiunge- abbiamo detto no al ddl Pillon che cancella il diritto dei bambini alla loro serenità e sicurezza economica e calpesta i diritti delle donne, specie se vittime di maltrattamenti o violenze domestiche. Mentre i collaboratori del ministro Di Maio offendono le donne senza che nessun esponente della maggioranza prenda le distanze, tanto meno Di Maio, noi continuiamo a credere che le donne in politica siano un valore aggiunto e sosteniamo con forza le nostre candidate. Abbiamo bisogno di una resistenza civile e politica contro la maggioranza Lega e M5S che vuole farci tornare indietro di 50 anni anche sui diritti delle donne”.

12 ottobre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»