Smog, pm 10 ancora alle stelle: a Bologna (e in quasi tutta l’Emilia-Romagna) stop a euro 4

A VPN is an essential component of IT security, whether you’re just starting a business or are already up and running. Most business interactions and transactions happen online and VPN
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Scattano (di nuovo) le misure d’emergenza contro lo smog a Bologna. Negli ultimi tre giorni, infatti, in maniera continuativa sono stati superati i limiti di pm10 nell’aria. E così da domani, martedì 12 febbraio, e fino almeno a giovedì 14 a Bologna, Imola e nei 10 Comuni dell’agglomerato urbano entrano in vigore le misure emergenziali per abbassare i livelli di inquinamento.

Dalle 8.30 alle 18.30 il blocco della circolazione è esteso a tutti i veicoli con motori diesel euro 4, anche commerciali, oltre ai benzina fino a euro 1. Sono esclusi dalle limitazioni i veicoli elettrici, ibridi, a metano e Gpl, o con almeno tre persone a bordo e i veicoli in deroga.

Oltre ai blocchi del traffico, scattano anche l’obbligo di abbassare la temperatura del riscaldamento domestico (19 gradi per le abitazioni e 17 per gli spazi commerciali e ricreativi) e il divieto, tra gli altri, anche di utilizzo dei camini a legna. Sono esclusi da queste indicazioni gli ospedali e le case di cura, le scuole e i luoghi che ospitano attività sportive. La Città metropolitana ha attivato il servizio di ‘alert sms e email’, inviando agli oltre 4.000 iscritti l’avviso del blocco.

IN EMILIA-ROMAGNA SI SALVANO SOLO RAVENNA E RIMINI

Le misure antismog per i tre giorni da domani a giovedì tornano in tutta l’Emilia-Romagna ad accezione delle province di Ravenna e Rimini. 

Il raggiungimento del livello di allerta è segnalato con un bollino rosso nel bollettino emesso oggi da Arpae. Giovedì ci saranno i nuovi controlli: solo se il bollino sarà verde verranno revocati.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»