Rigopiano, multato per mazzo di fiori dopo morte figlio. Meloni: “Raccogliamo fondi”

Alessio Feniello è stato multato per aver portato un mazzo di fiori nell'area dell'hotel Rigopiano quando era ancora sotto sequestro. Fratelli d'Italia lancia la colletta

ROMA – “Condannato a pagare una multa di 4550 euro per aver portato i fiori tra le macerie dell’hotel Rigopiano dove è morto suo figlio. E’ quello che è successo ad Alessio Feniello, padre di Stefano, ucciso a 28 anni dalla valanga che ha colpito la struttura il 18 gennaio di 2 anni fa. Ma che giustizia è? Siamo pronti a pagare noi questa multa e chiediamo a tutti voi di sostenere la raccolta fondi avviata dal Comitato per ‘Marsilio Presidente’. Facciamo sentire forte il nostro abbraccio ad Alessio e alla sua famiglia”. E’ quanto ha scritto su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

 

Feniello, che nella tragedia di Rigopiano ha perso il figlio di 28 anni, è stato condannato dal Tribunale di Pescara per aver violato i sigilli (il luogo della tragedia era sotto sequestro) per portare un mazzo di fiori dove il Stefano aveva perso la vita. Il decreto di condanna è arrivato ieri: multa da 4550 euro. Stefano, che aveva compiuto 28 anni il giorno prima della valanga, era in vacanza con la fidanzata Francesca Bronzi, sopravvissuta.

LEGGI ANCHE:

 Indagini chiuse su Rigopiano, 25 verso il processo: “Albergo non andava costruito lì”

Rigopiano, recuperati tutti i corpi: la slavina ha fatto 29 vittime. I sopravvissuti sono 11

Leggi anche:

11 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»