Rigopiano, multato per mazzo di fiori dopo morte figlio. Meloni: “Raccogliamo fondi”

Alessio Feniello è stato multato per aver portato un mazzo di fiori nell'area dell'hotel Rigopiano quando era ancora sotto sequestro. Fratelli d'Italia lancia la colletta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Condannato a pagare una multa di 4550 euro per aver portato i fiori tra le macerie dell’hotel Rigopiano dove è morto suo figlio. E’ quello che è successo ad Alessio Feniello, padre di Stefano, ucciso a 28 anni dalla valanga che ha colpito la struttura il 18 gennaio di 2 anni fa. Ma che giustizia è? Siamo pronti a pagare noi questa multa e chiediamo a tutti voi di sostenere la raccolta fondi avviata dal Comitato per ‘Marsilio Presidente’. Facciamo sentire forte il nostro abbraccio ad Alessio e alla sua famiglia”. E’ quanto ha scritto su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

 

Feniello, che nella tragedia di Rigopiano ha perso il figlio di 28 anni, è stato condannato dal Tribunale di Pescara per aver violato i sigilli (il luogo della tragedia era sotto sequestro) per portare un mazzo di fiori dove il Stefano aveva perso la vita. Il decreto di condanna è arrivato ieri: multa da 4550 euro. Stefano, che aveva compiuto 28 anni il giorno prima della valanga, era in vacanza con la fidanzata Francesca Bronzi, sopravvissuta.

LEGGI ANCHE:

 Indagini chiuse su Rigopiano, 25 verso il processo: “Albergo non andava costruito lì”

Rigopiano, recuperati tutti i corpi: la slavina ha fatto 29 vittime. I sopravvissuti sono 11

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»