AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE europa

Dopo il corteo anti-indipendenza di ieri, oggi le multinazionali decidono se lasciare la Catalogna

ROMA – Alcune delle principali multinazionali con base a Barcellona decideranno oggi se trasferire la propria sede dalla Catalogna a causa del conflitto sull’indipendenza della regione: lo riferisce oggi, in apertura della sua edizione online, il quotidiano ‘La Vanguardia’. Secondo il giornale, i consigli di amministrazione più attesi sono quelli del gruppo delle infrastrutture Abertis e della società immobiliare Colonial. Altre multinazionali, a partire da Grifols, colosso europeo della farmaceutica e della chimica, hanno invece già deciso di mantenere le proprie operazioni in Catalogna.

IERI IN PIAZZA E’ INTERVENUTO ANCHE IL PREMIO NOBEL LLOSA

Le riunioni sono in programma all’indomani di un corteo al quale a Barcellona, da Placa Catalunya alla Estaciò de Franca, hanno partecipato centinaia di migliaia di sostenitori dell’unità spagnola. Alla manifestazione di ieri è intervenuto anche Mario Vargas Llosa, Nobel per la letteratura. “Ci vuole molto di più di una congiura golpista dei signori Puigdemont e Junqueras e della signora Forcadell per distruggere quello che hanno costruito 500 anni di storia” ha detto lo scrittore accusando i vertici della Generalitat catalana: “Non lo permetteremo”.


Credits video: Marco Rossano


LEGGI ANCHE:

In migliaia in piazza a Barcellona contro l’indipendentismo della Catalogna

Catalogna, parla l’ambasciatore spagnolo: “Madrid non manderà l’esercito”

La Catalogna va avanti: “Indipendenza tra pochi giorni”

Catalogna al voto tra gli scontri, Puidgemont: “Violenza indiscriminata e irresponsabile”

09 ottobre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988