AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE calabria

Crollo della campata sulla Salerno-Reggio Calabria, i deputati del Pd calabrese interrogano il Governo

autostrada A3ROMA – I deputati del Pd calabrese interrogano i Ministri dell’Ambiente, delle Infrastrutture, del Lavoro e dello Sviluppo economico per sollecitare un intervento del Governo in seguito al crollo della campata del viadotto “Italia” sull’autostrada Salerno-Reggio Calabria.

“L’incidente avvenuto sull’autostrada nel tratto di attraversamento del Pollino calabrese – ha dichiarato la  prima firmataria Enza Bruno Bossio – che è costato la vita ad un giovane operaio venticinquenne, non può essere ricondotto in una dimensione ordinaria. E’ crollata una campata e si ritiene a rischio la stabilità della struttura dell’intero viadotto”.

E’ allarmante il sine die nei tempi che ha annunciato l’Anas per il ripristino e per la messa in sicurezza. I danni che si profilano per i collegamenti nazionali con forti ricadute negative sull’economia  – ha proseguito Bruno Bossio – sono incalcolabili.  Non possono essere sottovalutate, inoltre, le cause che hanno determinato un crollo difficile da giustificare quando si stava per consegnare,  dopo oltre un ventennio, l’opera di ammodernamento”.
“Forse è arrivato il momento – ha concluso la deputata democrat – che Governo e Parlamento riflettano sui contenuti, sulle modalità e sugli strumenti di controllo in relazione alla definizione dei contratti tra Anas e Contraenti generali per l’affidamento e lo svolgimento dei lavori”.

L’interrogazione dei parlamentari è specificatamente rivolta a sollecitare il Governo ad assumere iniziative “al fine:

a) di garantire in tempi rapidi la messa in sicurezza e la transitabilità del viadotto;

b) di accertare le cause e le eventuali responsabilità del crollo che si è verificato;

c) di verificare se sono state rispettate le norme che tutelano la sicurezza dei lavoratori sui cantieri e di avere conoscenza di quanto effettivamente sia accaduto intorno alla vicenda degli incidenti mortali e di grave infortuni che si sono registrati, finora, durante lo svolgimento dei lavori sull’A3;

d) di prevedere e incentivare forme alternative a sostegno soprattutto del trasporto dei prodotti agricoli ed ortofrutticoli;

e) di evitare e prevenire che gli effetti negativi, con il perdurare dell’interruzione autostradale, si riflettano in maniera rilevante ed incidano nella limitazione dei flussi turistici verso la Calabria e la Sicilia;

f) di valutare l’opportunità di svolgere un’indagine conoscitiva ed ispettiva, i cui risultati siano resi noti in sede parlamentare, sulla conduzione dell’intero programma di ammodernamento della autostrada Salerno-Reggio Calabria, soprattutto in relazione ai rapporti tra l’ANAS e General Contractors sulle modalità e le forme attuative dei contratti di affidamento dei lavori di tutti i lotti riguardanti i progetti di adeguamento e ammodernamento dell’ asse autostradale”.

08 marzo 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988