Il commercio bio cresce del 15%, tra olio, pasta, cereali e marmellate - DIRE.it

Toscana

Il commercio bio cresce del 15%, tra olio, pasta, cereali e marmellate

FIRENZE – “Bilancio positivo” negli store degli agricoltori toscani per quanto riguarda l’acquisto dei prodotti bio: secondo le stime di Confagricoltura Toscana e Anga tutti i prodotti biologici venduti in azienda e sul web dai produttori agricoli toscani hanno fatto registrare una media del +15% delle vendite a dicembre 2015 rispetto allo stesso periodo del 2014 e confermando così il trend positivo degli ultimi anni.
olioNello specifico il vino ha registrato un aumento del 10%, l‘olio bio del 15%, cereali bio (farro, orzo) +5%, carne biologica +10%, pasta artigianale prodotta da grani toscani +50%, confetture extra bio +50%, miele bio +25%.
Secondo l’analisi risulta inoltre un aumento del +20% rispetto al 2014 guardando al dettaglio i prodotti toscani Dop e Igp. “Sono dati sicuramente molto interessanti- spiega Francesco Miari Fulcis, presidente di Confagricoltura Toscana– che ci devono far riflettere sull’andamento del mercato. E’ evidente che il consumatore è sempre più attento alla qualità del prodotto che acquista. Si riscontra una maggior attenzione per la provenienza del prodotto e sui sistemi produttivi”. A questo proposito, continua, “è fondamentale per il futuro guardare con ancora maggior attenzione verso tutto il mercato online dove dovrà essere rimarcato il percorso produttivo ed il legame con il territorio”.

8 gennaio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»