AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE friuli v.g.

In regalo su Facebook gli Iphone ‘rifiutati’ dai migranti, ma è un fake


ROMA – In realtà basterebbe andare nell’apposita sezione ‘informazioni’ per capire che si tratta di “pagina ironica/satirica per scavare nei meandri della società. Andate a comprarvelo l’iphone, se lo volete!”. Eppure sono circa settecento i commenti alla pagina Facebook ‘Apple iPhone Trieste for refugees’ per avere in omaggio il famoso smartphone della casa di Cupertino.

Il finto motivo è banale: “Siccome nel piano di accoglienza per gli ospiti extracomunitari richiedenti asilo sono stati acquistati numero 760 (settecentosessanta) smartphone marca Apple, dei seguenti modelli I-Phone 6s, 6s Plus, 7 e non essendo stati utilizzati e solo parzialmente distribuiti in quanto non graditi da tutti gli utenti che hanno optato per smartphone Android, le eccedenze verrano redistribuite alla popolazione residente nel Comune di Trieste attraverso questa pagina”.

A questo punto non resta che provare ad accedere alla graduatoria e prenotare uno smartphone, un passaggio non facile che richiedere quattro step: mettere like alla pagina; condividere il post; commentare scrivendo il modello gradito ed il colore (Grigio, Argento, Oro); ed infine la perla, ovvero il numero di animali domestici eventualmente posseduti all’interno del nucleo familiare (se non posseduti, scrivere 0). Secondo i creatori della pagina infatti ci sarebbe un “piano di sensibilizzazione alla cura degli animali d’affezione, il fatto di esserne in possesso costituirà titolo preferenziale”.

In realtà a caderci sono in pochi visto che la maggioranza cita animali di fantasia come i liocorni oppure mogli e parenti, eppure c’è qualcuno che la butta sul razzismo: “siccome un ca**o.. Scusate se parlo male.. Io me lo scordo un telefonino così e loro lo rifiutano…”.

C’è poi l’utente a cui non scappa nulla anche se ancora con qualche piccolo dubbio: “Credo sia un fake perché se non lo fosse bisogna segnalare questa situazione di disparità sociale e razzismo ai danni degli italiani, ma comunque credo fortemente sia un fake”. C’è chi non ci crede, non perché la storia è surreale, ma perché “voglio proprio conoscere qualcuno che rifiuta un iphone”. Poi c’è chi si limita ad un critico “non dico nulla se no mi bannano” o “è una vergogna” oppure l’attacco sempreverde alle “cooperative da cui non voglio niente visto quanto rubano”.

Infine c’è chi è scettico ma tanto un post su facebook non mi costa nulla “cosa costa scrivere? Magari succede davvero.. mi piacerebbe il 7 grigio e se veramente contate gli animali ho 5 cani 7 gatti miei e 4 trovatelli a cui do da mangiare più 3 cavalli!”. L’unico post della pagina risale al 29 luglio, da quella data però ogni giorno c’è chi quotidianamente commenta o scrive, gli autori della pagina ironica hanno anche smesso di rispondere mentre più di qualcuno alla fine ha cancellato il commento.

07 agosto 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram