Comunali, Rienzi (Codacons): “Mi candido a sindaco di Roma”

carlo-rienzi

ROMA – Carlo Rienzi, storico leader del Codacons e paladino dei consumatori, scioglie le riserve e annuncia ufficialmente la sua candidatura a sindaco di Roma. Accogliendo la richiesta giunta dal Codacons e da numerosi cittadini, e di fronte all’inconsistenza delle candidature del centrodestra e centrosinistra finora avanzate, Rienzi ha deciso di correre da protagonista alle prossime elezioni comunali nella capitale, presentando un programma che si annuncia “lacrime e sangue” prima di tutto per gli stessi cittadini romani. “Se si vuole cambiare la città, occorre cambiare prima di tutto i cittadini- spiega il Presidente Rienzi- Accanto ai problemi noti della corruzione, del malaffare, e di tutto ciò che non funziona a livello amministrativo, politico e gestionale nella capitale, si pongono i comportamenti sbagliati degli stessi abitanti, abitudini che contribuiscono a rovinare il decoro della città e alimentare disagi e disservizi con ripercussioni per l’intera collettività. Occorre partire da questi atteggiamenti errati per ridare dignità a Roma e migliorare i servizi per tutti”.

Ed ecco quindi che, tra i punti forti del programma di Rienzi, appare la lotta serrata al parcheggio in doppia fila e alla sosta selvaggia, con telecamere intelligenti che multeranno i trasgressori; ingresso al centro storico a pedaggio, con gli automobilisti che dovranno pagare un ticket se vorranno entrare in centro con la propria vettura; trasporto pubblico gratuito tra le ore 8 e le ore 9, e dalle 17 alle 18, per spingere i romani ad utilizzare bus e metro, potenziati grazie alle multe e ai pedaggi di ingresso in città.

“Lanciamo oggi la sfida ai cittadini- afferma Carlo Rienzi- e vogliamo vedere in quanti decideranno di impegnarsi in prima persona per risolvere le tante criticità della capitale. Chiediamo ai romani di offrire il loro contributo, inviandoci idee, suggerimenti, critiche e proposte e, per chi lo vorrà, anche candidature, scrivendoci all’indirizzo [email protected] “.

6 Marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»