Befana, calza in una casa su tre. Ma arrivano anche regali

Calze appese in casa e piene di cioccolatini per il 36% degli italiani: i dati di un sondaggio Coldiretti/IXè
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Torna la tradizione della calza che viene appesa in più di una casa su tre (36%) mentre ad una minoranza del 14% la Befana porta altri regali ed il resto non festeggia anche perché non ha bambini in casa. E’ quanto emerge da una elaborazione Coldiretti/Ixè per la Festa dell’Epifania.

“Immancabili nella calza sono cioccolate, caramelle e carbone dolce ma la spinta verso una migliore alimentazione contagia anche la Befana e in molte famiglie- sottolinea la Coldiretti- tornano anche fichi e prugne secche, nocciole, noci e soprattutto biscotti fatti in casa. Non mancano iniziative per aiutare a riempiere la calza secondo le tradizione locali del territorio nei mercati degli agricoltori di Campagna Amica”. Anche se resta forte il richiamo della tradizione “è cambiato dunque- precisa la Coldiretti- il contenuto delle calze ‘appese’ al camino dalla simpatica vecchietta che in passato ai più ‘discoli’ regalava solo aglio, peperoncino, patate e carbone vero”.

Per molti bambini infatti l’arrivo della Befana è anche “l’occasione per ricevere gli ultimi regali delle feste con l’arrivo di giochi e giocattoli, spesso anche per sanare le delusioni del Natale. Da qualche anno pero’ l’appuntamento si è diffuso anche tra gli adulti che sfruttano l’occasione per scambiarsi o farsi doni, anche simbolici, spesso approfittando dell’inizio della stagione dei saldi”.

Una ultima occasione di festa, conclude la Coldiretti, che “fa salire a oltre 4 miliardi il valore dei regali acquistati durante le festività di fine ed inizio anno”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

6 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»