La riviera romagnola punta sull'inverno: il 30% degli alberghi aprirà per le festività natalizie - DIRE.it

Emilia Romagna

La riviera romagnola punta sull’inverno: il 30% degli alberghi aprirà per le festività natalizie

costa riviera

BOLOGNA – La Riviera romagnola prova ad andare oltre i divertimenti estivi e punta anche sul mare d’inverno per attirare i turisti. Nel 1983 Loredana Bertè cantava (le parole erano di Enrico Ruggeri) che il mare d’inverno “è qualcosa che nessuno mai desidera. Alberghi chiusi, manifesti già sbiaditi di pubblicità”. Nel 2016 l’Emilia-Romagna prova a cancellare questo stereotipo. In Riviera infatti, sottolinea l’assessore regionale al Turismo, Andrea Corsini, “grazie anche al salto di qualità che è stato fatto rispetto al tema dell’inverno, abbiamo notizia che saranno il 30% gli alberghi che apriranno durante le festività natalizie e per Capodanno. Quindi un bel segnale- sostiene Corsini, oggi a margine di una conferenza stampa in aeroporto a Bologna- che afferma sempre più il principio secondo il quale anche in inverno si può scegliere la costa come destinazione turistica”.

   Allo stesso tempo, segnala l’assessore, “le città d’arte stanno vivendo un ritmo di crescita importante da diversi anni e anche quest’anno confermiamo questo trend di crescita”. Per l’Appennino, invece, “aspettiamo la neve”. Ma in ogni caso, assicura Corsini, “per il ponte dell’8 dicembre e per le festività di fine anno c’è un ottimismo abbastanza manifesto sia sulla costa, sia nelle città d’arte, sia in montagna”. Intanto, Regione e Apt hanno deciso per l’anno nuovo di puntare forte sugli Emirati Arabi, sfruttando il nuovo collegamento aereo da Bologna. “Per la prima volta- spiega Corsini- sul 2017 abbiamo strutturato un’azione forte su Dubai, perchè abbiamo prodotti ad alto tasso di internazionalizzazione, come la Motor Valley”. Quindi, sostiene l’assessore regionale, “pensiamo di avere le spalle robuste per andare su quei mercati”.

5 dicembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»