Imola, al concerto dei Guns N' Roses massimo grado di sicurezza - DIRE.it

Emilia Romagna

Imola, al concerto dei Guns N’ Roses massimo grado di sicurezza

BOLOGNA – “Abbiamo cercato di prevedere tutto il prevedibile, dai possibili attentati a episodi come quello di sabato a Torino”. Ma per il concerto di sabato dei Guns N’Roses all’Autodromo ‘Enzo e Dino Ferrari’, spiega a Imola il prefetto di Bologna Matteo Piantedosi, non ci saranno “misure ulteriori rispetto a quanto prevedono i piani nazionali in materia di sicurezza”, anche se “si terrà ovviamente conto delle caratteristiche specifiche dell’Autodromo”. Gli eventi delle ultime settimane, sottolinea il prefetto, “non modificano lo scenario che già avevamo immaginato, anche perché sia per il concerto, sia per il G7 Ambiente di Bologna, avevamo già predisposto le misure di sicurezza più alte possibili“. E come già dichiarato qualche giorno fa a proposito del vertice sull’ambiente, anche sul concerto di sabato il prefetto preferisce “non dare numeri riguardo agli agenti coinvolti”, limitandosi a dire che “il ministero ci ha dato carta bianca per gestire la sicurezza dei due eventi”.

Ci saranno, ovviamente, “metal detector e steward che controlleranno in maniera stringente gli accessi”. Ovviamente, precisa Piantedosi, i controlli “saranno intensificati rispetto a quanto avveniva qualche anno fa, ma non ci saranno stravolgimenti, anche perché qui c’è sempre stata grande attenzione su questi temi”. E se l’organizzazione del concerto farà la sua parte per garantire la sicurezza, il prefetto e il sindaco Daniele Manca, che pone l’accento sulla “grande collaborazione istituzionale tra tutto il Circondario imolese e la Prefettura, come dimostra il fatto che oggi sono presenti rappresentanti di tutte le Forze dell’ordine”, chiedono anche ai 90.000 spettatori previsti sabato di dare una mano, “osservando alcune semplici regole di comportamento, in primis arrivando in Autodromo qualche ora prima dell’inizio del concerto, e non all’ultimo minuto“.

di Andrea Mari, giornalista professionista

5 giugno 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»