A Napoli la Befana offre la pizza ai clochard

Si chiama Pizza con la Befana l'evento organizzato dal Comune di Napoli e dalla Mostra d'Oltremare nella sede dell'ente fieristico di Fuorigrotta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Un pranzo a base di pizza per le persone senza fissa dimora e per chi vive in condizioni di disagio e marginalità. Si chiama ‘Pizza con la Befana’ l’evento organizzato dal Comune di Napoli e dalla Mostra d’Oltremare ieri alle 12 nella sede dell’ente fieristico di Fuorigrotta. 

Oltre 400 persone senza fissa dimora e in condizioni di disagio economico si sono raccolte nel padiglione 1 della Mostra d’Oltremare di Napoli per partecipare al pranzo della Befana che Mostra d’Oltremare e Comune di Napoli hanno organizzato oggi nella struttura fieristica di Fuorigrotta. Ad attendere gli ospiti i forni dell’associazione Pizzaiuoli Napoletani che ha sfornato circa 600 pizze Margherita e Marinara, in un pranzo che è iniziato con la rosticceria di Sire ed è terminato con le pastiere e i panettoni di Scaturchio, aziende che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa, che si ripete ormai per il secondo anno a Natale e a Pasqua.

Al pranzo hanno partecipato decine di volontari delle diverse associazioni cittadine che hanno anche contribuito a portare alla fiera chi degli ospiti ne avesse necessità.    

“Questa iniziativa – ha sottolineato l’assessore alla Coesione sociale del Comune di Napoli Laura Marmorale – è un modo per augurare un buon anno esprimendo l’intenzione di condividere con tutti i cittadini la volontà di costruire un anno migliore, per offrire alle persone un inizio di percorso per uscire dalla marginalità. Si comincia anche condividendo un pasto e per questo ringraziamo Mostra d’Oltremare, sempre pronta a rispondere a queste iniziative, ma anche l’Associazione Pizzaiuoli e le società di trasporto pubblico Anm e Eav che hanno dato ai nostri ospiti di oggi la possibilità di viaggiare gratuitamente per raggiungere la Mostra”.

L’intero pranzo, nel padiglione allestito con i tavoli e riscaldato, è stato accompagnato dalla musica degli artisti che hanno partecipato a titolo gratuito, coinvolgendo anche i senza fissa dimora nei canti e nei balli per una giornata di spensieratezza e condivisione.    

L’appuntamento per il pranzo alla Mostra d’Oltremare è già fissato per i giorni di Pasqua 2019.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

5 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»