AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

Regione Lazio. La Pisana vince la causa contro Milano 90 per la sede di via Poli

consiglio regionale lazioROMA – Il Consiglio regionale del Lazio si è aggiudicato il ‘secondo tempo’ della battaglia legale con la Milano 90 dell’imprenditore Sergio Scarpellini sull’affitto dei circa 700 metri quadrati della sua ex sede di rappresentanza in via Poli. La vicenda risale a 10 anni fa.

Nel 2005 il contratto di locazione in essere venne prolungato e rivisto a un prezzo di 300mila euro l’anno per nove anni. Quei costi finirono sotto la lente di ingradimento del Consiglio già tra la fine del 2009 e l’inizio del 2010, quando la presidenza era retta da Bruno Astorre, ma l’atto che aprì la diatriba legale arrivò con il suo successore, Mario Abbruzzese.

L’ufficio di presidenza da lui guidato (si era passati nel frattempo dalla legislatura Marrazzo a quella Polverini) approvò a settembre del 2010 una determina per la cessazione della locazione, con quattro anni di anticipo rispetto alla scadenza naturale. Un atto che fu impugnata dalla Milano 90 davanti al Tribunale civile di Roma, che con la sentenza n. 23516 del 2012 condannò il Consiglio regionale a pagare 2.943.193 euro. Passa un anno e nel 2013 la Pisana ricorre contro questa decisione in Corte d’Appello, che con la sentenza n. 1247 dello scorso febbraio ribalta tutto. In sostanza i giudici di secondo grado cancellano gli oltre 2,9 milioni di risarcimento e condannano il Consiglio a pagare “solamente” 53mila euro di canoni mancanti per le mensilità di aprile e maggio 2011, quando poi (precisamente il 31) gli uffici vennero liberati.  Nella sua sentenza, che l’agenzia DIRE ha preso in visione, la Corte ‘condivide’ le tesi del Consiglio […]

(Prosegue nel notiziario DIRE in abbonamento)

04 maggio 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988