San Marino

Il Titano celebra settimana mondiale del Parkinson

san-marino_rocca

SAN MARINO – Da oggi fino all’11 aprile si celebra la settimana mondiale del morbo di Parkinson, malattia neurodegenerativa che a San Marino colpisce un centinaio di malati, in Italia almeno 250 mila persone, nel mondo oltre 4 milioni. Numeri che raddoppieranno nei prossimi 15 anni, secondo le stime dell’Oms, Organizzazione mondiale della sanità. “La malattia di Parkinson coinvolge a San Marino circa 100 individui con una prevalenza sovrapponibile a quella italiana”, sostiene il Maurizio Stumpo, neurologo e responsabile della sezione Disturbi del movimento dell’Asgg, Associazione sammarinese gerontologia e geriatria.

Lo stesso medico spiega che il morbo di Parkinson rappresenta la seconda malattia neurodegenerativa dopo la malattia di Alzheimer. In questo senso, la Giornata mondiale del Parkinson “mira ad accrescere la consapevolezza globale della malattia- spiega una nota dell’associazione- poiché essa coinvolge nella qualità di vita anche le famiglie, non solamente i pazienti”. Sono due le serate-concerto organizzate per beneficenza e patrocinate dalla segreteria di Stato per la Sanità, i cui ricavi saranno destinati a realizzare “attività di gruppo, per unire nello stesso luogo, pazienti, famiglie ed operatori”, in modo da offrire “sostegno psicologico e concrete occasioni di relazione e attività fisica individuale e di collettiva”. Così sabato 9 aprile, alle 20,30 alla sala polivalente di Serravalle, si terrà il concerto dei “The milliondollarquintet”, con un tributo alla musica anni ’50 e ’60 del mitico Elvis Presley, mentre domenica, nella stessa sede dalle 20.30, protagonista sarà il musicista Italo Capicchioni, con la partecipazione della cantante Sara Jane Ghiotti. Gli eventi saranno inaugurati dal Capitano di Castello di Serravalle, Vittorio Brigliadori, che presenterà una selezione di sue poesie.

4 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»