AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

A Roma è guerra agli scrocconi, il Comune mette in vendita 600 immobili

di Mirko Gabriele Narducci

colosseo casaROMA – Meno di 200 euro al mese di affitto per una casa a due passi dai Fori Imperiali, ma oltre 13mila euro di arretrati, pari a oltre 6 anni di mancati pagamenti. Davanti al Colosseo, poi, c’è chi occupa la casa senza titolo e non paga gli 8mila euro l’anno del canone per un appartamento di oltre 230 metri quadri. Sono solo due esempi tra le centinaia di morosi che abita o utilizza ‘a scrocco’ ben oltre la metà dei quasi 600 tra case e immobili a uso commerciale di proprietà del Comune di Roma che tra poco saranno messi in vendita con l’approvazione della delibera 88/2013 sulla dismissione del patrimonio, attesa domani in Assemblea capitolina dopo quasi un anno (era il 20 febbraio del 2014) dal via libera della commissione Bilancio.
Il Campidoglio dichiara guerra ai cittadini che, nonostante i canoni spesso simbolici per appartamenti o negozi anche in zone di pregio, non corrisponde l’affitto da contratto o addirittura occupa abusivamente – qualcuno addirittura dal 1949 – ed è oggetto di azioni legali, contenziosi e procedure di sfratto attivati dalla proprietà pubblica.

(Tutti i dettagli sulla delibera nel notiziario Dire in abbonamento)

04 febbraio 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988