AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE giovani

Whatsapp va in tilt. E tutti corrono su Twitter tra ironia e arrabbiatura

ROMA – #Whatsappdown. E’ l’hashtag più gettonato in questo momento su Twitter. Basta un corto circuito del più famoso servizio di messaggistica istantanea per far riversare – di corsa – tutti gli utenti su Twitter in cerca di una risposta. I problemi, che a quanto pare, non sono sono stati registrati solo in Italia ma anche all’estero, sono cominciati poco dopo le 9, quando Whatasapp è andato in crash: i messaggi , che poco prima funzionavanoregolarmente, hanno smesso di partire.

Ed ecco su Twitter in un batter d’occhio si scatena il pandemonio. Se ne sentono di tutti i colori. C’è chi scrive di aver “insultato” i tutti i modi il suo Wifi, chi di aver provato a riavviare il telefono tre volte prima di capire il problema e chi di essersi messo a smontare il modem. Diversi scrivono cheWhatsapp li ha abbandonati proprio nel momento della “verifica in classe”.

L’ironia si spreca: qualcuno è pronto a “tirare fuori i piccioni”, qualcuno che esulta perchè “tua moglie ti sta per dire 284 cose da fare” ma improvvisamente Whatsapp ‘muore’. Ironia anche per chi cita il noto esperto di web Salvatore Aranzulla dicendo che “ha già pubblicato ‘Come si invia un sms’ e ‘perchè è inutile riavviare i dati del telefono'”.

Molti si chiedono cosa dovranno utilizzare oggi per comunicare: telegram, messanger, iMessage o addirittura viber? E, incredibile a dirsi, “qualcuno potrebbe perfino telefonarmi?”, scrive un utente. La Feltrinelli coglie l’occasione al volo e fa un tweet geniale, scrivendo che ora si potranno finalmente tirare fuori “i libri“.

Quel che è certo, è che centinaia di utenti da circa un’ora si stanno riversando su Twitter per avere risposte o cercare conferme a quello che sta succedendo. Qui sotto una carrellata si Tweet. Quando mancano pochi minuti alle 10.30, il servizio sembra essere ripartito.


 

 

 

 

03 novembre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988