Intervista a Germano Bollini

germano_bolliniNome: Germano

Cognome: Bollini

Luogo e data di nascita: 06/11/1951

Professione: imprenditore

Residenza a San Marino: dalla nascita

Domicilio a San Marino: dalla nascita

Eventuale/i altra/e cittadinanza/e:

Partito: Lpl

1) Cominciamo dalla legislatura ormai volta al termine. Può dirci cosa, secondo la sua opinione, ha funzionato bene e cosa no o comunque meno? Per quali ragioni?

Non ha funzionato niente perché questa Repubblica è stata gestita in maniera incapace.

 

2) Nella prossima legislatura, quali sono i tre punti prioritari che la nuova maggioranza dovrà mettere al centro dell’agenda politica nei primi 100 giorni? Perché?

I tre punti prioritari sono: Aeroporto e dogana, risolvere i problemi delle banche a San Marino, trasparenza , semplificazione e zero burocrazia.

 

3) Ci sono delle tematiche politiche che sente maggiormente vicine e per le quali desidera impegnarsi in prima persona? Come mai?

Aeroporto. Realizzare e rendere efficace l’azione presso l’aeroporto di Rimini per conto di San Marino.

 

4) In questa fase si parla sempre più di sviluppo dell’economia del Paese ma il concetto è legato all’idea di sviluppo che ognuno ha. Secondo la sua, quali sono le direzioni da seguire per ottenere i traguardi in tale ambito? A cosa non bisogna rinunciare per farlo?

Le direzioni da seguire sono quelli di creare i presupposti per favorire l’ingresso di nuovi imprenditori e sviluppare gli asset necessari per favorire l’imprenditoria sia sammarinese che estera con zero burocrazia e poche tasse, senza rinunciare a niente.

 

5) Qual è il convincimento che ha maturato in questi anni nel rapporto che sarebbe giusto si instaurasse tra San Marino e Unione Europea?

San marino non deve entrare nell’Unione Europea.

 

6) Nella storia di San Marino, anche recente, c’è una figura politica a cui si ispira o almeno in cui si riconosce per ideali e valori?

Avvocato Bonelli Menetto.

 

7) Nello scenario politico internazionale, attuale o passato, c’è un personaggio di cui stima l’azione politica? Se si, per quali motivi?

Si, Che Guevara perché ha cercato di rendere merito ai valori e all’uguaglianza degli uomini e per questo ha combattuto fino a perdere la vita.

 

8) Ci sono delle esperienze nella sua formazione, nel suo lavoro, nella sua vita (anche politica) che considera propedeutiche o comunque importanti per svolgere nel migliore dei modi il mandato per cui si candida?

Certo, la mia esperienza lavorativa in San Marino, dirigente d’azienda, esperienza italiana ed internazionale, quale amministratore e presidente della attuale Gls.

 

9) Ci sono momenti in cui si sente orgoglioso del suo Paese? Quando l’ultima volta?

Il momento in cui sono orgoglioso del mio Paese è quando la sovranità e l’indipendenza dello Stato viene conservata.

 

10) Quali sono gli aspetti del suo carattere che ritiene maggiormente importanti per fare politica?

Determinazione e capacita imprenditoriale.

 

11) Quando è nata nella sua vita l’aspirazione all’impegno politico con lo spirito di servizio per la nostra Repubblica? É giunta legata a un fatto scatenante particolare o si è costruita gradualmente nel tempo?

È nata 4 anni fa quando un amico mi ha chiesto di fare parte di una coalizione politica.

 

12) Nella sua vita privata, anche passata, ci sono delle passioni (sport, hobbies, interessi) che ha coltivato e che hanno lasciato il segno dentro di lei? Se si, quali insegnamenti ne ha ricavato?

Si, l’automobilismo sportivo ha lasciato dentro di me la determinazione e le difficoltà da superare per giungere a risultati concreti

 

13) Con la preferenza unica crediamo che gli elettori valuteranno la competenza, le capacità del candidato, le sue motivazioni e l’entusiasmo. Cosa può dire a proposito riguardo le sue? 

Mi sento pronto e competente per ricoprire qualunque ruolo nella gestione di questo Stato. Non è assolutamente presuntuoso, ci credo fermamente.

3 Nov 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»