AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE Emilia-Romagna

Turismo. A Bologna aumentano arrivi e presenze, ma la provincia soffre

Bologna

Bologna

BOLOGNA – Europei, con in testa gli immancabili tedeschi, ma anche americani, cinesi, brasiliani e persino australiani. Anche nel 2014 Bologna ha inanellato risultati più che positivi per quanto riguarda il turismo, con circa 50.000 arrivi (+5%) e 35.000 pernottamenti in più (+1,7%) rispetto all’anno prima. Si parla in complesso di 1.108.462 di turisti in arrivo e 2.180.982 pernottamenti. A crescere ancora sono in particolare le comitive di stranieri, europei ma soprattutto in arrivo da altri continenti. Sono i cinesi a far registrare l’incremento maggiore rispetto al 2013: +43,5% ovvero 9.404 turisti in più.

Nell’arco dell’ultimo decennio, poi gli arrivi di stranieri sono quasi raddoppiati: dagli oltre 264.000 del 2004 ai quasi 502.000 del 2014, in aumento del 5,2% rispetto al 2013. La parte del leone continuano a farla gli europei. L’anno scorso ne sono arrivati a Bologna 356.660, soprattutto tedeschi (45.823), francesi, spagnoli e dal Regno Unito. A loro si aggiungono 66.065 americani (di cui 37.333 dagli Usa) e 37.027 cinesi.

Per quanto riguarda le presenze complessive, ovvero i pernottamenti, gli stranieri hanno superato di nuovo il milione (per la precisione 1.060.189). In larga parte sono europei (721.859 presenze), anche in questo caso in maggioranza da Regno Unito (oltre 90.000), Germania, Francia e Spagna. Gli americani che hanno dormito a Bologna almeno una notte, nel 2014 sono stati 151.814, di cui 85.763 dagli Stati Uniti e ben 24.504 dal Brasile. A loro si aggiungono 45.703 cinesi e 17.312 presenze dall’Australia. In particolare i pernottamenti di turisti europei sono raddopiati nell’ultimo decennio, triplicati se si guarda a 20 anni fa.

E’ l’ufficio statistica del Comune di Bologna a tracciare il quadro dell’andamento turistico sotto le Due Torri nel 2014. Uno studio, pubblicato due giorni fa, che mette in luce i buoni risultati del capoluogo e anche la sofferenza del resto dell’area metropolitana. Tolta la città di Bologna, infatti, nel 2014 nel territorio provinciale sono passati 543.519 turisti, 30.383 in meno rispetto all’anno precedente. Il calo ha interessato gli alberghi (-4,5%) ma ancora di più gli esercizi extralberghieri (-12,7%), come i bed and breakfast. Diminuiscono i turisti italiani (-4,6%) e ancor di più quelli stranieri (6,6%). La maggior parte sono cinesi (che aumentano, in controtendenza), tedeschi e russi. Tra gli italiani, invece, la maggior parte dei turisti che visitano l’area metropolitana sono ‘di casa’, ovvero emiliano-romagnoli.

La vacanza a Bologna dura in media due giorni (in lieve calo). Nel complesso, sono i bimestre settembre-ottobre e i mesi da marzo a luglio quelli caratterizzati dal maggior numero di arrivi e presenze in città. Gli italiani vengono soprattutto a marzo e dicembre, mentre gli stranieri visitano Bologna soprattutto in estate e autunno.

di Andrea Sangermano

02 maggio 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988