Comunali Milano, Sala verso il bis: 7 dialoghi con la città

Sette temi che a detta di Sala "rappresentano le sfide a cui Milano intende rispondere in modo articolato ed efficace"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

MILANO – Un’iniziativa ‘partecipata’ che parte dal 12 ottobre e che si propone di chiudere entro il 7 novembre, proponendosi di coinvolgere tutte le componenti di Milano e articolando il dibattito su sette temi, a cui si aggiungera’ una sessione di dialoghi ‘privati’ del sindaco in cui si discutera’ della Milano che sara’. E’ quanto annuncia il primo cittadino meneghino Giuseppe Sala, che sembra dunque avviarsi al bis fissando verosimilmente la decisione dunque ai primi di novembre, non prima del termine del ‘tour partecipato’.

Sette temi che a detta di Sala “rappresentano le sfide a cui Milano intende rispondere in modo articolato ed efficace per disegnare il suo nuovo futuro”, ossia ‘La metropoli dei quartieri’, ‘la transizione ambientale’, ‘Una citta’ in salute’, ‘Smart&working’, ‘Il bisogno di Milano’, ‘Nascere, crescere e vivere a Milano’, e infine ‘Una citta’ che crea, sa e forma’.

I lavori, come spiega il sindaco, si articoleranno in momenti distinti: “Inizieranno con la creazione di un tavolo di lavoro per ogni tema composto da esperti delle materie provenienti da realta’ pubbliche e private”, dopodiche’ a questi tavoli, “ospitati nelle sedi di alcune delle piu’ prestigiose istituzioni della citta’ scelte per la loro competenza nelle materie in questione”, si discutera’, a porte chiuse, dei temi “per elaborarne i principali contenuti”.

I risultati di questi lavori saranno presentati poi in sette giornate diverse, ognuna dedicata a un singolo tema. Queste giornate, a loro volta ospitate nelle diverse sedi del Piccolo Teatro e trasmesse online, come dice il sindaco “vedranno la presentazione di ogni tema e la loro discussione da parte di rappresentanti dei saperi, degli interessi e delle rappresentanze di tutta la citta’”.

Il risultato di questi confronti, come annuncia Sala, sara’ poi “patrimonio collettivo di tutta Milano e dei suoi interessi”. Tant’e’ che la volonta’ del capo della giunta milanese e’ quella di organizzare, successivamente, una serie di dialoghi (anch’essi trasmessi online) durante i quali il sindaco stesso si confrontera’ “con personalita’ del mondo della politica, della conoscenza e della creativita’” per raccogliere le loro idee e i loro spunti sul futuro di Milano.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»