Brasile, sospeso il decreto che aboliva la riserva dell’Amazzonia

Secondo la stampa locale, il giudice Rolando Spanholo ha firmato "un'ingiunzione che blocca qualunque provvedimento amministrativo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

brasile_amazzoniaROMA   – Un tribunale federale del Brasile ha sospeso oggi l’applicazione di un decreto presidenziale che cancellava una riserva dell’Amazzonia aprendo allo sfruttamento minerario dell’area.

Secondo la stampa locale, il giudice Rolando Spanholo ha firmato “un’ingiunzione che blocca qualunque provvedimento amministrativo” rispetto alla Renca, acronimo per Reserva Nacional de Cobre e Associados (Renca), una zona estesa come la Danimarca dove vivono anche comunità native. Il decreto, approvato dal presidente Michel Temer, aveva subito suscitato le proteste delle associazioni impegnate nella difesa dell’ambiente e dei diritti umani. A prendere posizione, chiedendo una revoca della misura, era stata anche la Conferenza episcopale cattolica.

LEGGI ANCHE In Brasile abolita la riserva, autorizzate le miniere in Amazzonia

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»