A Catania reddito di cittadinanza a condannati per mafia: 76 denunce

reddito di cittadinanza
Le persone sono state accusate di avere ottenuto indebitamente il Reddito utilizzando dichiarazioni false e omettendo informazioni dovute
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – I carabinieri del Comando provinciale di Catania, con i colleghi del nucleo Ispettorato lavoro, hanno individuato e denunciato 76 persone accusate di avere ottenuto indebitamente il Reddito di cittadinanza utilizzando dichiarazioni false e omettendo informazioni dovute.

LEGGI ANCHE: Reddito di cittadinanza a camorristi, sequestri per oltre un milione a Napoli

L’indagine è della Direzione distrettuale antimafia, che emesso conseguentemente nei confronti degli stessi un decreto di sequestro preventivo delle carte di Reddito di cittadinanza. Tra i denunciati anche 25 che avevano richiesto e ottenuto il beneficio pur essendo stati condannati per mafia, circostanza che vieta la possibilità di godere del bonus.

LEGGI ANCHE: Reddito di cittadinanza, 127 indagati nel Trapanese: percepiti indebitamente 1,2 milioni

Le rimanenti 51 persone, di cui 46 donne, hanno invece richiesto e ottenuto il beneficio omettendo di comunicare che all’interno del proprio nucleo familiare vi fosse anche un proprio congiunto gravato da sentenze di condanna definitive per associazione di tipo mafioso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»