Salvini contro i giudici: la partita giudiziaria diventa politica

ROMA - Tenere a bordo di una nave italiana i migranti, non facendoli sbarcare in un porto nazionale,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Tenere a bordo di una nave italiana i migranti, non facendoli sbarcare in un porto nazionale, è un sequestro di persona. Un reato punito con molti anni di galera. Per questo il Tribunale dei ministri vuole processare Matteo Salvini, ministro dell’Interno e capo della Lega.

Uno scontro, quello con i magistrati, che con la campagna elettorale in corso per le prossime elezioni Europee, diventa immediatamente tutta politica. Con Salvini, che chiede a gran voce di essere processato, sfidando i giudici: «La Costituzione mi chiede di salvaguardare i confini e la sicurezza nazionale», ha detto il ministro dell’Interno.

E i magistrati che hanno passato la palla alla Giunta per le autorizzazioni del Senato che adesso dovrà dire sì o no al processo. Partita politica, perché finora il M5S ha sempre assecondato le richieste della magistratura, autorizzando i processi richiesti. Ma questa volta? I senatori ‘grillini’ della Giunta voteranno a favore del Tribunale e contro l’alleato Salvini, con il rischio di provocare una crisi di governo?

LEGGI L’EDIZIONE ODIERNA DI DIREOGGI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»