Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Malati di Sla, Usala di nuovo in sciopero della fame

Un nuovo sciopero della fame, questa volta totale, e l'annuncio di un presidio permanente da domani sotto gli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Un nuovo sciopero della fame, questa volta totale, e l’annuncio di un presidio permanente da domani sotto gli uffici della Regione in viale Trento a Cagliari. Salvatore Usala, segretario del Comitato 16 novembre, l’associazione degli ammalati di Sla e di altre patologie invalidanti, dissotterra ancora una volta l’ascia di guerra, appena un mese dopo l’incontro in Regione con il presidente Francesco Pigliaru e l’assessore alla Sanità Luigi Arru, conclusosi positivamente e con garanzie sui corsi per gli assistenti e sul progetto di assistenza sperimentale proposto dallo stesso Usala.

“Pigliaru e Arru sono incapaci di mantenere qualsiasi impegno- attacca ora Usala-. Sono sei mesi che promettono e disattendono. Questa volta la delibera l’hanno fatta, ma è un vergognoso atto solo per soddisfare gli stupidi, un Dgr vuoto di qualsiasi contenuto”.

Le richieste di Usala sono note: il ripristino di 4.607.000 euro di fondi nazionali riservati, “che avete utilizzato impropriamente per pagare fondi ordinari- sottolinea- vogliamo subito la delibera condivisa”; il ripristino immediato dell’assistenza dell’Asl di Carbonia gestita dalle rianimazioni; infine 24 ore di assistenza infermieristica, “come previsto dal Dgr 10/43 del 2009”, conclude il leader dei malati di Sla.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»