Addio alle pellicce, l’annuncio di Giorgio Armani

Tutte le collezioni del gruppo saranno "fur free", una svolta per il lusso made in Italy
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La collezione autunno-inverno 2016/2017 del Gruppo Armani sarà eco-chic. Il gruppo ha dichiarato il suo impegno all’abolizione totale dell’uso delle pellicce animali da tutti i suoi prodotti, in accordo con la Fur Free Alliance.

A dare la notizia è stato Re Giorgio: “Il progresso tecnologico raggiunto in questi anni ci permette di avere a disposizione valide alternative che rendono inutile il ricorso a pratiche crudeli nei confronti degli animali”. Il gruppo si unisce a Hugo Boss, Tommy Hilfiger, Calvin Klein, Stella McCartney e altri marchi high-end che utilizzano una politica fur free.

armani

“Una decisione che fa onore alla maison Armani e rafforza una strada già tracciata e consolidata dalla LAV, la Lega anti vivisezione, in anni di campagne antipellicce in tutto il mondo, in favore della moda etica, responsabile e sostenibile, e dunque senza utilizzo di animali – dice Simone Pavesi, responsabile LAV Moda Animal Free – . Gli estimatori dello stile Armani saranno entusiasti: una scelta di vero stile per il “Re” della moda, amato e apprezzato in tutto il mondo. Un segnale inequivocabile per il settore, da tempo sollecitato a convertirsi verso una produzione non cruenta, considerando che in tutto il mondo ogni anno vengono uccisi circa 95 milioni di visoni e volpi e altri animali per la loro pelliccia, con Europa e Cina che sono i maggiori produttori di pelliccia a livello mondiale”.

Joh Vindig, presidente della Fur Free Alliance, applaude alla scelta di Armani. “Per decenni Giorgio Armani è stato un trendsetter nel mondo della moda e la sua ultima comunicazione è la prova che la sensibilità e l’innovazione rappresentano il futuro di questo settore”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»