Elezioni, Battistoni: “Tuteliamo le forze dell’ordine e le forze armate”

Francesco Battistoni, candidato del centrodestra al collegio uninominale Viterbo Civitavecchia per il Senato, attacca il programma M5S sulle forze dell'ordine
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Nel programma pentastellato sul tema della sicurezza e della difesa si legge la richiesta di identificativo per le forze dell’ordine e la riduzione degli stipendi delle forze armate. Su alcuni giornali, il programma del M5S viene definito un ritorno al medioevo”. Lo dichiara Francesco Battistoni, candidato del centrodestra al collegio uninominale Viterbo Civitavecchia per il Senato.

“Per quanto riguarda le forze dell’ordine e le forze armate- continua Battistoni- ad esempio si legge sul loro sito che vogliono abbassare gli stipendi di questi ultimi, poiché il 75% del bilancio della difesa viene speso in stipendi delle forze armate, mentre ‘esperti internazionali parlano di un equilibrio al 50%'”.

“Vorrei ricordare- sottolinea- loro che le forze dell’ordine e le forze armate italiane sono fra le più efficienti d’Europa, ma anche fra le meno pagate. Pertanto prima di parlare di identificativi sulle divise, provvedimento, a mio avviso, attuabile solo dopo aver creato, per chi opera nell’ordine pubblico, condizioni di tutela adeguate ad oggi ancora lontane, mi preoccuperei di assicurare a quanti ogni giorno mettono a rischio la propria vita, per spirito di servizio e a tutela del proprio Stato e dei cittadini, in Italia e all’estero, stipendi adeguati e degni del loro coraggio e dei tanti sacrifici compiuti quotidianamente”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»