Marche, incontri tra Aguzzi e parti sociali sulle vertenze Hotel Federico II e Aerdorica

stretta-di-mano_accordo-lavoro_colloquio-lavoro_venditore-porta-a-porta
L'assessore al Lavoro si dice soddisfatto: “Esiti che fanno ben sperare per entrambe queste importanti questioni"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – Si sono tenuti questa mattina due incontri su due diverse vertenze di lavoro, Hotel Federico II di Jesi e Aerdorica, tra l’assessore regionale al Lavoro, Stefano Aguzzi e le parti sociali, sindacali e rappresentanti aziendali.

Sulla questione Federico II– ha  spiegato l’assessore Aguzzi- su cui mi ero confrontato circa un mese fa, l’esito posso ritenerlo molto positivo perché ho potuto ascoltare la liquidatrice che ha riferito di una ripresa di attività, sia per quanto riguarda l’accoglienza nell’hotel sia delle parti ricreative esterne e interne (solo piscina).  Ci sarà cioè un’alternanza tra cassa integrazione e attività lavorativa vera e propria. Ho incoraggiato questo percorso di graduale rientro alla normalità, segnalando anche un potenziale e prossimo aumento dell’attività recettiva in conseguenza della nuova funzionalità dell’aeroporto delle Marche e che questo potrà naturalmente incidere favorevolmente per la  struttura alberghiera.”

Sulla questione Aerdorica– ha aggiunto Aguzzi- ho proposto ai rappresentanti sindacali di Cgil Cisl e Uil la ripresa di un tavolo con tutte le parti sociali e l’AD di Aerdorica, perché un vecchio accordo di un anno fa siglato con la Regione è stato disatteso nei fatti. Evitando quindi di far passare ulteriore tempo senza concretizzare soluzioni, sarà utile rivedersi attorno ad un tavolo e decidere insieme sulle esigenze di tutti e prendere atto di mutate condizioni. Una proposta favorevolmente accolta dai sindacati perché si arrivi ad una nuova intesa più aggiornata e avanzata nel tenere conto delle varie posizioni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»