Nessuna arma né munizioni nei terreni del sindaco di Castellammare del Golfo

I due legali del primo cittadino, Giacomo Frazzitta e Roberta Tranchida, precisano che i terreni di Rizzo "non sono neppure stati oggetto di accertamenti di alcun genere"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – Il terreno di Castellammare del Golfo in cui i carabinieri hanno scoperto armi e munizioni era nella disponibilità di Francesco Domingo, arrestato nell’operazione ‘Cutrara’, e non del sindaco della cittadina trapanese Nicolò Rizzo, come erroneamente riportato dal titolo di un nostro articolo riguardante la vicenda. I due legali del sindaco di Castellammare del Golfo, Giacomo Frazzitta e Roberta Tranchida, precisano inoltre che i terreni di Rizzo “non sono neppure stati oggetto di accertamenti di alcun genere”. Si è trattato di uno spiacevole errore, riguardante appunto il titolo dell’articolo. Rispetto a quanto accaduto ci scusiamo con il sindaco di Castellammare del Golfo che, ribadiamo, nulla ha a che vedere con quella scoperta e, così come richiesto dai legali di Rizzo e come prevede anche il Testo unico dei doveri del giornalista, rettifichiamo la notizia errata.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»