Gualtieri: “Manovra ambiziosa, abbiamo salvato milioni di posti di lavoro. Sul Mes…”

Il ministro dell'Economia annuncia lo stanziamento di 70 miliardi di risorse per il 2021
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Una “manovra ambiziosa” che dà “un importante impulso alla ripresa” mobilitando “complessivamente circa 70 miliardi di risorse per il 2021“. Queste le parole del ministro dell’Economia Roberto Gualtieri che, presentando la manovra in conferenza stampa, annuncia lo stanziamento di ulteriori 5 miliardi per la cassa integrazione per il prossimo anno.

“Le misure varate dal governo hanno protetto l’occupazione, il calo c’è stato ed era inevitabile, ma è stato contenuto, abbiamo salvato milioni di posti di lavoro. L’occupazione è calata perchè ci sono state minori assunzioni in settori colpiti dalla crisi”, spiega Gualtieri.

“Con l’estensione della cig al 31 dicembre il divieto di licenziare lo proroghiamo fino a fine anno. Stiamo valutando con i sindacati altre tutele, ne parleremo mercoledì ma il governo è aperto a trovare soluzioni”, aggiunge il ministro precisando che “tutte le imprese che useranno la cig covid non potranno licenziare”.

L’obiettivo della riforma fiscale, spiega ancora Gualtieri, è “quanto riusciremo a ridurre l’Irpef sul lavoro, questo è l’elemento fondamentale. Che si determini con una aliquota continua o a scaglioni, è un aspetto. E’ in corso un lavoro comune, non ci sono partiti presi che si confrontano, è un lavoro molto ambizioso che l’Italia attende da molti anni” mentre “l’assegno universale per sostenere le famiglie potrà arrivare fino a 200 euro per figlio”.

Gualtieri interviene poi sulla polemica sull’utilizzo del Mes: “Il vantaggio che dà il Mes è un risparmio di 300 milioni di euro di interessi in 10 anni, non si tratta di avere 36 miliardi in più per la sanità. La funzione fondamentale del Mes è sostenere un Paese in deficit di liquidità, l’Italia fortunatamente non è in questa situazione”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»