Trivelle, la Consulta dà il via libera al referendum

"La Corte costituzionale nella seduta di oggi ha
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

trivelle mar ionioLa Corte costituzionale nella seduta di oggi ha dichiarato ammissibile la richiesta di un referendum e improcedibili altre cinque richieste in materia di ricerca, prospezione e trivellazioni marine. Per questi ultimi, la Corte costituzionale non ha potuto che prendere atto della pronuncia dell’ufficio centrale per il referendum della Cassazione che aveva dichiarato: ‘Non hanno più corso le operazioni concernenti le prime cinque richieste referendarie’, dichiarando conseguentemente l’estinzione del giudizio”. Lo rende noto l’ufficio stampa della Consulta.

In particolare “il quesito ammesso è l’unico del quale l’ufficio centrale per il referendum ha affermato la legittimità sulla base della normativa sopravvenuta (la Legge di stabilità 2016). Nella nuova formulazione il referendum viene pertanto ad incentrarsi sulla previsione che le concessioni petrolifere già rilasciate durino fino all’esaurimento dei giacimenti, in tal modo prorogando di fatto, come rilevato dall’ufficio centrale per il referendum, i termini già previsti dalle concessioni stesse. La sentenza sarà depositata entro il 10 febbraio, come previsto dalla legge”.

Leggi anche: Trivelle, i No Triv denunciano: “Il ministro Guidi sbaglia, l’area delle Tremiti in parte entro le 12 miglia”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»