Viva RaiPlay! volge al termine: questa sera ospiti Antonello Venditti, Francesco De Gregori e Guè Pequeno

Nelle sei settimane di programmazione Viva RaiPlay! è tra i contenuti più visti on demand con 8,9 milioni di visualizzazioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’esperienza da piattaformista, tra le diverse novità, mi ha dato la grande soddisfazione di sentirmi cercato e scelto davvero da ciascuno degli spettatori, ops! utenti. E la magia è che sabato le luci del live saranno spente, ma noi saremo a portata di click per tutto il 2020”. Sono queste le parole del mattatore Rosario Fiorello, protagonista della più innovativa operazione multimediale di varietà che la Rai abbia realizzato. La sfida di proporre uno show nuovo e di esplorare i più moderni modi di fruizione del varietà è già vinta: nelle sei settimane di programmazione Viva RaiPlay! è tra i contenuti più visti on demand con 8,9 milioni di visualizzazioni e il più visto in diretta streaming. In totale sono oltre 13 milioni le visualizzazioni, di cui oltre il 33% in live streaming e oltre 4 milioni di visualizzazioni su YouTube. Lo show live di poco più di 60 minuti, che ha ottenuto risultati confrontabili con i più importanti eventi Rai come Sanremo e le partite della Nazionale di calcio, sta volgendo al termine: mancano infatti solo tre appuntamenti (18-19-20 dicembre, ore 20,35). Protagonisti della puntata del 18 dicembre saranno Antonello Venditti, Francesco De Gregori e il rapper Guè Pequeno.

LEGGI ANCHE

Su Rai 1 arriva la seconda stagione de ‘L’amica geniale’: quando va in onda e di cosa parlerà

Natale 2019, i film e i cartoni Disney in tv

I RISULTATI DI VIVA RAIPLAY!

In 6 settimane, l’impatto di Viva RaiPlay si è fatto sentire sia nella fruizione in diretta con +50% utenti registrati attivi, sia sull’on demand con +23% di utenti registrati attivi e un incremento del 61% di utenti registrati attivi da app e app tv. Numeri che certificano il successo della mission Rai: ampliare la platea conquistando una nuova fetta di pubblico. Con l’“operazione Fiorello” si è raggiunto anche un ottimo posizionamento di RaiPlay, oggi ben conosciuta dalla maggior parte del pubblico. “L’operazione Fiorello” comincia sulla rete tradizionale – Rai1 – il 4 novembre, con uno slot inedito: 15 minuti – “un’intramuscolo” per usare la definizione del protagonista – e prosegue fino all’8 novembre. Una sorta di anteprima di quello che è Viva RaiPlay! il primo varietà nato e pensato per l’online, che debutta il 13 novembre, in diretta dal mercoledì al venerdì alle 20,35 sulla piattaforma digitale RaiPlay, e successivamente disponibile on demand. Sulla carta 50 minuti di show, ma Fiorello – è il bello dell’online – può protrarsi senza incidere sul programma successivo, improvvisando fuori programma impensabili nei palinsesti tradizionali.  L’appuntamento con Fiorello su RaiPlay è doppio: la mattina, dal mercoledì al venerdì, conduce Viva Asiago 10!, una rassegna stampa, con molti ospiti e altrettante gag. “L’operazione Fiorello” include anche il “the best of” di quanto trasmesso su RaiPlay, in onda nel week end su Radio 2. Mentre il lunedì e il martedì Fiorello è su Rai1, al termine del tg1 delle 20, con tre minuti di show. Il successo di VivaRaiPlay è anche sui social, dove dal 4 novembre, i profili ufficiali di Viva RaiPlay! hanno generato 1.382.000 interazioni, di cui il 76% su Instagram, il 12% su Facebook, il 12% Twitter (Fonte Nielsen). 

Nel mese di novembre Fiorello è nella Top5 Nielsen Social in ambito TV, la classifica per il maggior engagement generato sui social. I numeri non riescono da soli a testimoniare la qualità del prodotto Viva RaiPlay!, che ha regalato momenti di grande spettacolo, ha portato sul palco dello studio di Via Asiago ospiti (oltre 100) diversi e per tutti i tipi di pubblico, del mondo della musica, dello spettacolo, del giornalismo, da  Pippo Baudo a Raffaella Carrà, Achille Lauro, Calcutta, Amadeus, Biagio Antonacci, Luciano Spinelli, Tommaso Paradiso e poi ancora Paola Cortellesi, Gabriele Muccino, Levante, Alessandro Borghese, Giuliano Sangiorgi, Gabriella Germani, Emma Marrone, Tiziano Ferro, Silvia Toffanin, Rossella Fiamingo, Elisa Maino, Benji & Fede, Giorgia, Roberto Mancini, Checco Zalone, Carlo Conti e Nicola Savino, per citarne solo alcuni. Fiorello ha interagito con i suoi ospiti, coinvolgendoli in modo originale nella dinamica ritmata dello show, dagli idoli dei più giovani alle grandi star, innovando su tempi e linguaggi, come nelle interviste all’americana di EPCFCFINT, o con la serie delle Fiction fallate. Sul palco dello studio di Via Asiago, assieme a Fiorello, un cast fuori dagli schemi: il muppet di Vincenzo Mollica, a cui il giornalista ha generosamente prestato la voce, Phaim Bhuiyan, regista e qui esilarante padrone di casa del “bollino rosso”, lo spazio dedicato ad artisti emergenti, la crew di danza degli Urban Theory, la rivelazione del web, I Gemelli di Guidonia e ancora Danti e Pippo Crotti, assieme alla storica band diretta dal maestro Enrico Cremonesi.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

18 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»