hamburger menu

Borghi e Marinelli irriconoscibili in ‘Le otto montagne’: il film in concorso al Festival di Cannes

Tratto dall'omonimo romanzo di successo di Paolo Cognetti, vincitore del premio Strega nel 2017

borghi_marinelli

ROMA – Luca Marinelli e Alessandro Borghi tornano a recitare insieme e volano a Cannes. I due attori sono i protagonisti di ‘Le otto montagne‘, pellicola in concorso, che verrà presentata stasera alla kermesse francese. Dietro la macchina da presa Felix van Groeningen (Beautiful Boy, Alabama Monroe – Una storia d’amore) e Charlotte Vandermeersch.

Il film è tratto dall’omonimo romanzo di successo di Paolo Cognetti, vincitore del premio Strega nel 2017. Nelle prime immagini disponibili della pellicola i due talentuosi attori, che tornano a recitare insieme a sette anni da ‘Non essere cattivo’, appaiono con barba e capelli lunghi immersi nel suggestivo e impervio paesaggio montuoso della Valle D’Aosta. Gran parte del film è stato girato infatti a Graines, frazione del comune di Brusson (Val d’Ayas).

Nel cast di ‘Le otto montagne’ anche Filippo Timi, Elena Lietti, Elisabetta Mazzullo Tratto dall’omonimo romanzo di Paolo Cognetti. Il film dovrebbe arrivare nelle sale a dicembre 2022.

LE OTTO MONTAGNE, DI COSA PARLA IL NUOVO FILM DI BORGHI E MARINELLI

La pellicola racconta la storia di una lunga amicizia. Un’amicizia nata tra due bambini che, divenuti uomini, cercano di prendere le distanze dalla strada dei loro padri, ma finiscono sempre per tornare sulla via di casa.

Pietro è un ragazzino di città, Bruno è l’ultimo bambino di uno sperduto villaggio di montagna. Negli anni, Bruno rimane fedele alle sue montagne, mentre Pietro è quello che va e viene. Il loro incontro li porterà a sperimentare l’amore e la perdita, riconducendo ciascuno alle proprie origini e facendo sì che i loro destini si compiano, mentre i due scopriranno cosa significa essere amici per sempre.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-05-18T11:59:44+02:00