Covid, Toti: “Bene riaperture, ma Governo aggiusti alcune incongruenze”

giovanni toti
"Spero che il Governo voglia confrontarsi con le Regioni prima di prendere provvedimenti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Bene la decisione del Governo di dare il via alla stagione delle riaperture, ma alcune cose ancora non tornano. In zona gialla nei ristoranti già prima si mangiava anche all’interno e nei bar era consentito il servizio al bancone, purché debitamente distanziato. Bene aggiungere tavoli all’esterno, con regole anche di minor rigore. Ma se già prima, senza vaccini, in zona gialla si poteva stare all’interno, dobbiamo poterlo fare anche ora, quando riapriremo”. Lo scrive su facebook il presidente della regione Liguria Giovanni Toti, che continua: “Il coprifuoco: se apriamo i ristoranti la sera, non può restare il divieto di movimento dopo le 22! Mica siamo in un Paese nordico dove la gente mangia alle 18 o alle 19, da noi si va a cena alle 20.30 o alle 21. Non vedo francamente il bisogno di fare ingozzare gli avventori in pochi minuti per scappare a casa. Il Covid non è mica un vampiro che arriva con il buio! Lasciamo pure il coprifuoco per evitare che la gente poi si attardi a bere fuori dai locali, creando assembramento o festini improvvisati, ma magari il facciamolo scattare alle 23 o alle 24″.

Ancora, “il pass vaccinale per muoversi tra le regioni: teniamo presente- sottolinea Toti- che non tutti i cittadini potranno avere il vaccino nelle prossime settimane, e non per loro scelta. Quindi, per elementare giustizia e anche per necessità, una persona deve potersi spostare per lavoro, studio e tutte le altre motivazioni già previste. Altrimenti fino a luglio almeno potranno muoversi solo le persone con più di 60 anni, mentre tutti gli altri dovranno aspettare il proprio turno del vaccino, paralizzando il Paese”.

“Spero che su tutto questo il Governo voglia confrontarsi con le Regioni prima di prendere provvedimenti. E aggiustare queste incongruenze che- conclude Toti- rischiano di vanificare le misure che si prenderanno“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»