hamburger menu

Vasco Rossi riceverà la Lupa Capitolina: “Amo Roma, mi ha adottato”

Gualtieri lo invita in Campidoglio: "Fiero e onorato, ci vediamo a fine tour"

vasco rossi

ROMA – Il Campidoglio consegnerà a Vasco Rossi la Lupa Capitolina, il massimo riconoscimento che Roma Capitale conferisce a personalità illustri che hanno lasciato un segno indelebile nella cultura e nell’immaginario collettivo della città. A renderlo noto è lo stesso rocker di Zocca, che in una serie di storie su Instagram ha pubblicato prima la lettera ricevuta lo scorso 10 maggio dall’amministrazione comunale e poi i suoi ringraziamenti alla città intera, un vero e proprio attestato d’amore dopo il successo straordinario delle due date al Circo Massimo.

“Lei non solo ha fatto emozionare milioni di romani con le sue canzoni ma ha dimostrato nella sua carriera di essere sempre sensibile e attento ai bisogni degli ultimi: dalle lotte contro il razzismo all’impegno durante la pandemia ieri e la guerra in Ucraina oggi. Roma è una città che ha una forte vocazione antifascista e di pace, che non lascia indietro nessuno, e lei incarna appieno questi ideali”, si legge nella lettera inviata all’artista a firma dell’assessore ai Grandi eventi e Turismo di Roma, Alessanro Onorato.

“La sua storia con Roma è una storia d’amore e di record- prosegue la lettera- Lei è stato il primo artista a fare tre date consecutive all’Olimpico nel 2014, record che lei stesso ha superato nel 2016 con quattro date consecutive sold out già dopo 100 secondi dall’inizio della vendita. Un legame con la nostra città che risale già al 1983, quando ha fatto capolino sui palchi di Roma con due date: a luglio alla festa dell’Unità di Ostia Antica e a settembre con il tour ‘Bollicinie’ a Villa Gordiani. Lei è già nella storia di Roma e vorremmo che fosse anche nel futuro della nostra città”.

Commossa la risposta di Vasco: “Ho ricevuto dal Comune di Roma questa lettera bellissima nella quale mi si informa della volontà di attribuirmi la ‘Lupa’, il massimo riconoscimento che Roma può dare, e io ne sono molto felice: Roma, grazie per il tuo affetto, da me a te anche di più”. Dopo tanti anni all’Olimpico, prosegue, “ho avuto ancora una volta un’accoglienza straordinaria in queste due ultime notti al Circo Massimo, magica arena per gladiatori: ti gira la testa da quanta bellezza ti circonda, quanta gloriosa storia… rischiavo di distrarmi, Roma”.

E ancora: “Roma Caput Mundi era per me, che venivo dalla montagna, irraggiungibile come l’America. Ci venivo quando ero ancora uno sconosciuto e andavo in giro per gli uffici della Rai con il maestro Auli a fare promozione”. Quindi la risposta al Campidoglio: “Grazie sindaco Gualtieri, grazie assessore Onorato. Vi rispondo pubblicamente grazie, mi sento onorato e fiero di ricevere la Lupa Capitolina. È una cosa che mi fa talmente piacere che vorrei viverla in rilassatezza e allegria”.

Per cui, ha sottolineato il cantante, “vi prometto ufficialmente che tornerò a Roma apposta“, visto che “ora siamo nel pieno di un tour stupendo ma con tempi molto stretti tra una data e l’altra: mi aspettano a Messina, poi a Bari, Ancona e Torino. Una vita spericolata, in equilibrio sopra la follia”. Di qui la chiosa, con ancora parole d’amore per la Città Eterna: “Roma, Roma, Roma. Come sei splendida: ti ho corteggiata a lungo e tu mi hai adottato”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-06-13T16:21:51+02:00