Governo, il costituzionalista Cheli: “Ora Conte deve passare per il Parlamento”

"Se si ripresenta per chiedere la fiducia, con due nuovi ministri, tenta la prova delle Camere subito", spiega il professore già presidente dell'Agcom
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – E ora cosa succede? “Prioritario e’ il passaggio in Parlamento”, spiega il professore Enzo Cheli, costituzionalista, gia’ presidente dell’Agcom.

LEGGI ANCHE: Governo, Renzi apre la crisi: “Ministre Bellanova e Bonetti si dimettono”

“Non siamo di fronte, infatti, a dimissioni volontarie a titolo personale, per cui potrebbe bastare anche il solo interim. Le dimissioni segnano un fatto politico e cioe’ la sfiducia di una componente politica. Ora il presidente del consiglio dovrebbe, per prima cosa, salire al Quirinale, ma questo passaggio si puo’ assumere che lo abbia gia’ effettuato, nell’incontro di oggi. Deve quindi andare in Parlamento, per spiegare cosa e’ successo. Se si ripresenta per chiedere la fiducia, con due nuovi ministri, tenta la prova delle Camere subito”.

LEGGI ANCHE: Governo, il centrodestra: “Conte si dimetta o domani in Aula per fiducia”

Altrimenti, aggiunge il professor Cheli, “informa il Parlamento della volonta’ di dimettersi, sale al Colle per rassegnare le dimissioni e poi, una volta reincaricato, tenta la soluzione alla crisi nelle consultazioni coi partiti. In ogni caso, dopo le comunicazioni di Renzi oggi, il presidente Conte deve passare per il Parlamento“.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»