Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il tg chiude in diretta. L’annuncio tra le lacrime della giornalista israeliana

Prima l'incredulità quasi si trattasse di uno scherzo poi, le lacrime trattenute a fatica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Prima l’incredulità quasi si trattasse di uno scherzo poi, le lacrime trattenute a fatica. E’ la reazione di Geula Even, giornalista del canale israeliano Channel 1, che in diretta si è ritrovata a leggere il lancio di agenzia che annunciava la chiusura del suo programma di news.

La decisione di Benjamin Netanyahu

Responsabile della decisione è il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, intenzionato a riorganizzare le trasmissioni pubbliche nel Paese. Dal canto loro però, gli autori del programma Mabat Lahadashot, in onda dal 1968, non ci stanno e sostengono che a muovere Netanyahu, sia la volontà di controllare i media sull’esempio di “Trump negli Usa”.

Rivalità politiche

A rendere più rilevante la notizia, è il fatto che la giornalista Geula Even, è la moglie di Gideon Sa’ar, membro di spicco del partito Likud diretto proprio da Netanyahu. Secondo l’accusa, la decisione del Primo ministro di Tel Aviv sarebbe una ‘risposta’ politica all’annuncio dell’ ex ministro dell’Interno e dell’Educazione, Gideon Sa’ar che ha annunciato: “Voglio diventare primo Ministro di Israele”.

https://www.youtube.com/watch?v=2UI44HNic7g

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»