Ebola, guarito l’infermiere sardo. Lorenzin: “Eccezionale collaborazione internazionale”

ROMA - “Sono molto felice della guarigione di
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ebola italiaROMA – “Sono molto felice della guarigione di questo secondo paziente italiano affetto da Ebola. Felice soprattutto per lui e per la sua famiglia,  ma anche per un’altra dimostrazione di eccellenza da parte della sanità italiana nella cura di questa malattia”. Così il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, commentando le dimissioni dall’Istituto Spallanzani di Roma dell’infermiere sardo guarito dal virus Ebola.

“Appena avuto notizia della positività del paziente al virus Ebola c’è stata un’eccezionale collaborazione internazionale grazie alla quale abbiamo avuto accesso immediato ai farmaci per il trattamento- spiega Lorenzin- La circostanza che i farmaci siano arrivati allo Spallanzani prima che dalla Sardegna arrivasse il paziente credo sia una grande dimostrazione di solidarietà e dell’efficienza della rete di sanità mondiale costruita in questi anni. Anche attraverso l’emergenza Ebola abbiamo compreso che il problema della sanità è un problema che non ha confini; rende evidente a tutti che non possiamo ignorare ciò che accade intorno a noi. Ringrazio di cuore i medici, gli infermieri e il personale tutto dell’ospedale Spallanzani, l’Aeronautica Militare, tutte le istituzioni che a vario titolo hanno collaborato per il felice epilogo di questa storia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»