Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Malattie dei dipendenti, a Roma accordo tra Inps e Campidoglio

Negli ultimi tre anni boom di malattie da un giorno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

certificato medicoROMA – Tra poche settimane il progetto sperimentale messo a punto da Campidoglio e Inps per il monitoraggio delle assenze per malattia dei 24mila dipendenti capitolini diventerà realtà. Ad annunciarlo sono stati il sindaco di Roma, Ignazio Marino, e il presidente dell’Inps, Tito Boeri, che stamattina si sono incontrati nello studio del primo cittadino a Palazzo Senatorio. L’intesa tra le due istituzioni si concretizzerà in un protocollo: l’Inps, partendo da un monitoraggio dei dati forniti dal Comune, metterà i suoi strumenti a disposizione dell’amministrazione elaborando misure di contrasto all’assenteismo, e avrà la possibilità di cominciare a ‘tastare’ il terreno della medicina legale in ambito pubblico, sulla scorta della riforma della Pubblica amministrazione.

 

“Quello di oggi è stato un primo incontro con Boeri perché vogliamo andare nella direzione, più volte sottolineata, di premiare il merito dei nostri lavoratori: per questo vogliamo monitorare alcuni dati- spiega Marino-, come le assenze per malattia di un singolo giorno che nell’ultimo trienno sono di molto aumentate passando da 37mila a 50mila”.

 

di Mirko Gabriele Narducci

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»